Les côtes de Provence blancs de nos domaines

Le Côtes de Provence bianche dei nostri domini

Scoprite la dolcezza e la sottigliezza dei nostri vini bianchi di Provenza. Bel colore giallo pallido e naso con note di agrumi, i nostri vini bianchi offrono un aspetto rinfrescante e tonico.

Filtro
      Nuovo

      Vino Bianco 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte

      77,40 €
      Scatola da 6 bottiglie - 75cl
      Più informazioni
      Esausto

      Vino Bianco 2021 AOP Côtes de ProvenceInspiration

      90 €
      Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
      Più informazioni
      Nuovo prodotto

      Vino Bianco 2022 AOP Côtes de ProvenceTerres de Berne

      113,40 €
      Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
      Più informazioni
      Esclusiva web

      Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée

      138 €
      Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
      Più informazioni

      Vino Bianco 2022 AOP Côtes de ProvenceLe Pigeonnier

      83,40 €
      Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
      Più informazioni
      Nuovo prodotto

      Vino Bianco 2022 AOP Côtes de ProvenceUltimate Provence

      114 €
      Scatola da 6 bottiglie - 75cl
      Più informazioni

      Vino Bianco 2020 AOP Côtes de ProvenceChâteau des Bertrands

      96 €
      Scatola da 6 bottiglie - 75cl
      Più informazioni
      MAGNUM

      Vino Bianco 2019 AOP Côtes de Provence MAGNUMGrande Récolte

      96 €
      Scatola da 4 bottiglie - 150 cl
      Più informazioni

      La nostra azienda vinicola produce vini AOP Côtes de Provence rosso, rosé e bianco. La proprietà, che occupa 175 ettari, è protetta da 690 ettari di bosco. Si trova sull'altopiano Triasico composto da un suolo calcareo del giurassico medio e inferiore che conferisce al vino di ogni partita una firma unica.

      Per saperne di più sul vino bianco della Provenza :

      Cosa significa la denominazione Côtes de Provence bianco ?


      Le Côtes de Provence è un vino di denominazione di origine controllata prodotto ed elaborato su una vasta parte del vigneto della Provenza , in particolare nel Var.

      Tutto in finezza e sottigliezza, il vino Côtes de Provence bianco offre un bellissimo colore giallo pallido con riflessi verdastri, limpido e brillante. L'olfattivo è un riassunto della Provenza, rinfrescante e tonico, composto da note primarie di agrumi, pompelmo e limone, corteccia di pino e timo mescolati a piccoli tocchi speziati. Nel palazzo, propone un attacco relativamente flessibile lasciando spazio a una materia generosa e ben strutturata. La temperatura di servizio e di degustazione ideale è di 10 ºC.

      Le Côtes de Provence bianco, è un buon vino da offrire?


      Di fronte alla moltitudine di scelte in materia di vino bianco, non è sempre facile scegliere, e non è più facile da offrire. I gusti e i colori variano da persona a persona, soprattutto quando si tratta di vino bianco. Per essere certi di soddisfare il destinatario, ecco alcune caratteristiche interessanti riguardanti il vino bianco:

      ● I diversi tipi di vino bianco :

      Esistono diverse varietà di vitigni bianchi come lo Chardonnay, utilizzato tra l'altro nell'elaborazione dello Champagne, il sauvignon bianco , coltivato in tutto il mondo e che presenta aromi di frutta verde, erbe, menta e mela o anche il Rolle, il Sémillon e l'Ugni-bianco, molto spesso utilizzati nella produzione del Côtes de Provence bianco, solo per citarne alcuni.

      Oltre alle varietà di vitigni, possiamo anche distinguere diversi tipi di vini bianchi: dolci o vini dolci, bianchi liquorosi, vini secchi fruttati come il Gewurztraminer alsaziano. Potenti vini bianchi secchi, dal gusto più intenso e spesso in botti di rovere. Infine, i bianchi secchi leggeri o semisecchi, più delicati su un aroma fine di agrumi.

      ● Le note del vino bianco :

      A differenza del vino rosso, il succo del vino bianco non macera con le bucce e i chicchi dell'uva, il che spiega perché i vini bianchi non sono tannici, meno «grattugiati» e più vivi in bocca. I vini bianchi detti «di guardia» sviluppano aromi ai profumi di frutta candita, di tabacco, di paglia o di vaniglia. I più secchi portano a volte delle belle note minerali, un pizzico di acidità e un aroma fruttato e floreale.

      Come degustare un vino bianco ?


      La degustazione in 4 fasi di un vino bianco: vista, naso, bocca e sintesi.

      La vista: è osservare il colore del vino bianco attraverso quattro criteri: colore, limpidezza, brillantezza e fluidità. Le sfumature di colore dei vini bianchi variano dal giallo paglierino, oro verde, pallido, giallo, oro dorato o oro antico, ambrato chiaro o scuro. La limpidezza e la brillantezza sono più facili da definire.

      Il naso di un vino bianco si divide in tre tipi di aromi principali: fruttato o floreale per i primi, imburrato e/o brioche per i secondi e i terzi che potenzialmente traducono l'invecchiamento di un vino bianco: miele o frutta secca...

      La bocca: l'attacco, il mezzo della bocca e il finale vi danno indicazioni sulla vivacità, cioè un attacco franco o morbido, così come il suo carattere, opulento e ampio o meno in bocca e la presenza di zuccheri residui nel vino bianco.

      La sintesi: l'equilibrio dei vini bianchi si analizza principalmente sotto il rapporto acidità/alcool/saccarosio.

      Qual è la differenza tra un vino bianco biologico e non biologico?

      Vino bianco convenzionale


      ● La coltivazione e la vinificazione non rispettano i principi dell'agricoltura biologica o in biodinamica. Sono autorizzati i prodotti chimici di sintesi e i fattori di produzione enologici.

      ● Prodotti autorizzati per un vino convenzionale: tutti i prodotti chimici come insetticidi, erbicidi o altri regolatori della crescita delle piante, ecc.

      ● Quantità di solfiti autorizzati per vino bianco convenzionale: fino a 200 mg/l SO2 totale.

      Il vino bianco biologico


      ● Un vino biologico proviene da agricoltura e vinificazione senza prodotti chimici di sintesi. I principali marchi AB e Bio Europe garantiscono questo approccio.

      ● I prodotti autorizzati per la coltivazione della vite di un vino biologico: prodotti chimici di origine naturale, ma alcuni prodotti di sintesi fanno eccezione: calce spenta, olio di paraffina e composti di rame come l'idrossido di rame, ossicloruro di rame, ossido di rame, porridge bordolese e solfato di rame tribasico.

      ● Un vino bianco biologico può contenere fino a 150 mg/l di solfiti totali.

      Quali sono i vitigni utilizzati per il vino bianco Côtes de Provence?


      Rolle: vitigno bianco di origine turca che si trova in particolare nel Var, in Corsica sotto il nome di Vermentinu, e in Italia. I suoi grappoli e le sue bacche, di medie dimensioni, passano dal bianco al rosa quando raggiunge la maturità. Ama i climi caldi con terreni secchi e poveri. Il Rolle produce vini bianchi grassi, ben equilibrati, che possono mancare di acidità, ma che rimangono molto aromatici.

      Il Sémillon: vitigno d'origine bordolese, in Provenza, permette l'elaborazione di grandi bianchi secchi con basse acidità e con molto rotondità e bellissimi aromi di fiori bianchi.

      L'Ugni-blanc: originario dell'Italia, in Toscana, dove prende il nome di Trebbiano Bianco, fa la sua apparizione in Francia a partire dal Medioevo con il nome di Ugni-blanc. Varietà ad alto rendimento, la sua maturità è tardiva. È interessante per la sua acidità utilizzata negli assemblaggi per portare freschezza.

      Come vengono coltivate le uve di una Côtes de Provence bianca?


      Sbucciatura e pigiatura: effettuando queste fasi, si può, poi, premere direttamente l'uva per liberare il mosto e separarlo dalla pellicola. A volte la macerazione pellicolare a freddo può essere effettuata per estrarre in vasca il massimo degli aromi primari contenuti nelle pelli.

      Pressatura: la maggior parte delle volte, la vendemmia viene immediatamente posta in un frantoio dove le bacche d'uva vengono schiacciate, al fine di rilasciarne il succo.

      Il Peeling: in seguito, il succo viene messo in vasca, ma contiene ancora molti materiali solidi che devono essere rimossi. La depilazione permette di chiarificare il succo ed evitare la comparsa di cattivo gusto durante la fermentazione.

      La Fermentazione alcolica: è il momento in cui si trasformano gli zuccheri del mosto in alcool per l'azione dei lieviti. Dura circa 10 giorni ad una temperatura di circa 20 ºC.

      L'allevamento: ha lo scopo di chiarire e stabilizzare il vino, eliminare i suoi difetti e realizzarlo. Può essere realizzato in vasca inox o in barrique a seconda del tipo di vino ricercato.

      Il Decuvaggio: permette di separare il vino dalle fecce grossolane. L'ultimo passo è quello di imbottigliare il vino.

      Quali sono i solfiti utilizzati ?


      Il più delle volte solfiti di zolfo, altrimenti noto come anidride solforosa (SO2), solfito di sodio, bisolfito di sodio o agenti di solfitazione.

      Quali accordi su cibo e vino bianco mi consiglia?


      Con i nostri vini bianchi AOP Côtes de Provence come il nostro Grande Cuvée bianco 2017 , una terrina di foie gras, un rombo o una puledra di Bresse con finferli.

      Con un Berne Inspiration bianco 2021 , un lupo alla griglia con finocchio in salsa vergine, frutti di mare o brandade de Nîmes. Con un Terre de Berne bianco 2022 , un cappuccino di capesante, un'orata in crosta di sale, un merluzzo in salsa vergine. Al Château Saint-Roux, il Pigeonnier bianco 2021 è un vino ideale come aperitivo, ma anche per accompagnare un pesce grigliato. Un UP Ultimate Provence bianco 2021 anche come aperitivo, ma anche con ricci di mare o ostriche...

      In quali occasioni bere un Côtes de Provence bianco ?


      Il Côtes de Provence bianco si abbina perfettamente sia con antipasti, antipasti, piatti principali, formaggi e dessert. Un esempio di menu: aperitivo con oursinade, antipasto con ravioli di scampi, piatto con un lupo alla griglia, con formaggi come un Rocamadour, dessert con una torta di noci.

      I vostri vini bianchi sono ecologici ?


      La nostra azienda vinicola biologica è certificata in agricoltura biologica. Ciò rientra nel nostro impegno di proteggere una natura generosa, proprio come gli uomini che la coltivano. È un modo per noi di accedere ad una migliore e più fedele espressione dei nostri territori, e, al di là di questo, è un impegno verso il nostro ambiente e verso le persone che lo valorizzano quotidianamente.

      Per quanto tempo si può conservare il vino bianco di Provenza?


      Ogni vino si evolve in modo diverso e, inizialmente, tutto dipende dalla cura del vignaiolo nei vigneti, nella cantina, ma soprattutto dal terroir, dall'annata, dalla regione, dalla denominazione e dalle condizioni di conservazione della bottiglia di vino. Il loro potenziale di custodia va da due a dieci anni, a volte di più. Dopo l'apertura, in media, un vino bianco di Provenza si conserva tre giorni al fresco, al di là del quale rischia di ossidarsi a contatto con l'aria.

      Quali sono le migliori annate del Côtes de Provence bianco ?


      Ciò che occorre sapere in primo luogo è che in enologia un'annata designa l'anno della vendemmia delle uve e dell'elaborazione di un vino. È un punto di riferimento fondamentale per apprezzare la qualità di un vino. Negli ultimi anni, le migliori annate in Côte de Provence bianco sono 2015, 2017 e 2020. Anche il 2019 è da ricordare.