Tout sur le processus de vieillissement du vin en fûts de chêne

Tutto sul processo di invecchiamento del vino in botti di rovere

Spesso vediamo la dicitura “invecchiato in botti di rovere” sulle etichette delle bottiglie di vino. Se per molti enoappassionati, più o meno informati, questo è di buon auspicio per la qualità del vino, molti ignorano davvero i vantaggi dell'invecchiamento del vino in botti di rovere. Vediamo nel dettaglio cos'è l'invecchiamento in botti di rovere e cosa apporta ai vini.

 

Cos'è l'invecchiamento in botti di rovere?

L'invecchiamento in botti di rovere, o affinamento in legno, è una fase della vinificazione che consiste nel conservare il vino in una botte di legno, per un periodo più o meno breve (da pochi mesi a qualche anno). Questo processo è particolarmente importante perché produce vini più complessi e più consistenti.

Il rovere è il tipo di legno più utilizzato per l'invecchiamento del vino, perché ha la particolarità di favorire scambi gassosi tra l'aria esterna e il vino. Questo legno è molto apprezzato anche per la sua robustezza.

Nella botte di legno, il vino continua ad evolversi, adottando aromi legnosi, note affumicate o anche sapori gourmet (caramello, vaniglia, spezie, ecc.).

 

I diversi tipi di botte di legno

Il legno trova largo impiego nel tradizionale processo di vinificazione dei vini rossi, bianchi e rosati. Viene utilizzato per realizzare diversi tipi di contenitori.

  • La barrique, o botte: l'invecchiamento in botti è molto popolare, perché questo formato è leggero e la sua durata è molto lunga. Le botti di legno possono poi contenere qualche decina di litri, e arrivare fino a 700 litri;
  • La feuillette: questa botte può essere presentata in diverse capacità, a seconda della regione viticola, che vanno da 112 litri a Chablis, a 132 litri a Saône-et -Loira;
  • Il tino: il tino del vino viene utilizzato principalmente per pigiare il raccolto o per fermentare il vino nuovo;
  • Il fusto: con una capacità da 30 a 350 litri, il fusto è disponibile in più di 160 formati, a seconda della regione. Viene utilizzato principalmente per la conservazione e l'invecchiamento del vino...

 

Specie legnose utilizzate per l'invecchiamento del vino

Per realizzare nuove botti vengono utilizzate diversespecie di legno. Ognuno ha qualità uniche che rendono buone bottiglie di vino.

La Quercia

La la maggior parte delle botti sono di rovere. Ma esistono diverse varietà di quercia (quercia francese, quercia americana, quercia bianca americana, ecc.).

La quercia francese proviene dalle foreste locali del Limosino, dell'Allier, dei Vosgi e della Normandia. Apporta aromi di vaniglia e un gusto legnoso ai vini.

Il quercia americana, ad esempio, offre note più esuberanti di fumo, cioccolato e caramello.

La falsa acacia robinia

Utilizzata per la conservazione dei vini bianchi, la robinia falsa acacia è una specie legnosa quasi imputrescibile apprezzata per le sue note aromatiche.

La castagna

Utilizzato per produrre botti di vino, il castagnoapporta tannini forti e aspri ai vini rossi. Sfortunatamente questo tipo di canna non viene quasi più prodotta.

 

Perché invecchiare il vino in botti di legno?

Gli amanti del vino sanno che non tutti i vini vengono posti in botti di invecchiamento. Questa fase di vinificazione, infatti, è facoltativa e viene applicata per ottenere risultati precisi.

Sviluppa gli aromi del vino

Durante la sua progettazione, una botte di legno attraversa diverse fasi di riscaldamento, prima per modellare la botte con reggette, poi affinare gli aromi del vino. A seconda del grado di riscaldamento, infatti, il legno creerà aromi diversi che verranno trasmessi al vino durante i lunghi mesi di affinamento.

La combustione della botte dà origine a diversi composti aromatici: note legnose e affumicate in caso di tostatura leggera, note vanigliate e speziate in caso di tostatura media, o note ferme di caramello o caffè se riscaldato fortemente.

Affinare i tannini del vino

Presenti nelle bucce dell'uva e trasmessi al succo d'uva durante la trasformazione dell'uva in vino, i tannini sono composti chimici responsabili della sensazione di secchezza in bocca. Ma non sono presenti solo nella buccia dell'uva, si trovano anche nel legno!

Durante l'invecchiamento, i due tipi di tannini si combinano poi per formare una nuova struttura tannica, generalmente più stabile e più flessibile.

Ossigenare il vino durante la fase di invecchiamento

A differenza della vasca in acciaio inox, che è completamente ermetica, la botte in legno presenta una certa porosità . Questa proprietà fisica permette poi la microssigenazione , cioè uno scambio gassoso tra l'aria e il vino. Questa leggera ossigenazione non porta all'ossidazione del vino, anzi, perché permette alla struttura del vino di evolversi, donandogli grasso e maggiore complessità . Perché, ricordatelo, senza ossigeno il vino non invecchia!

 

L'l'invecchiamento in botti di rovere è garanzia di qualità per i migliori vini rossi. Porta con sé i particolari aromi del legno e gli scambi tra l'aria e il vino, e completa la vinificazione prima dell'imbottigliamento di gustose annate.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni