Les sulfites dans le vin : rôles et controverses

I solfiti nel vino: ruoli e controversie

I solfiti nel vino sono da sempre oggetto di dibattito. Mentre alcuni li ritengono unici responsabili del mal di testa dopo qualche bicchiere di vino, altri affermano il loro ruolo indispensabile nella produzione di buoni vini. Per provare a vedere le cose con più chiarezza, diamo uno sguardo al ruolo dei solfiti nel vino, e cerchiamo di capire l'origine delle controversie che suscitano.

 

Solfiti: componente essenziale nella vinificazione

Forse avrai notato sulle etichette delle bottiglie di vino che i solfiti sono presenti in tutte le annate, dalla più leggera alla più potente. La loro presenza non è il risultato del caso e svolgono davvero un ruolo essenziale nella produzione del vino.

Solfiti per la buona conservazione dei vini

I solfiti sono composti di anidride solforosa con proprietà antiossidanti e antibatteriche. Nel vino il loro ruolo è quindi quello di proteggere dall'ossidazione e dalla proliferazione di batteri indesiderati. La presenza di solfiti garantisce quindi l'equilibrio del vino, sia in termini di aromi, freschezza o colore.

Agendo come agenti conservantie stabilizzanti, i solfiti svolgono quindi un ruolo importante durante la fermentazione alcolica dei vini rossi, bianchi e rosati.

Da dove provengono i solfiti nel vino?

Qualunque sia il tipo di vino che assaggi, contiene sempre sempre un po' di solfiti, poiché questo composto chimico è naturalmente presente nell'uva. Non è presente solo nel vino, ma è presente in piccole quantità in molti alimenti: salumi, dolci, frutta, salse, pesce in scatola, ecc.

Nel mondo del vino, tuttavia, alcuni viticoltori scelgono di aggiungere solfiti, in modo da evitare lo sviluppo di batteri e aumentare la durata di conservazione delle bottiglie di vino. D'altra parte, illivello di solfiti nel vinoè strettamente regolato a seconda delle denominazioni e dei tipi di vino (vini biologici, vini naturali, vini biodinamici, vini convenzionali. ..).

I diversi tipi di solfiti

Durante tutto il processo di vinificazione , i solfiti possono essere utilizzati in diverse forme. Infatti, i solfiti naturalmente presenti a volte non sono abbastanza efficaci per garantire l'equilibrio di un vino, e talvolta l'enologo è costretto ad aggiungere solfiti alle sue annate.

Molto spesso, il solfito aggiunto è anidride solforosa, presentata sotto forma di polvere o gas. Viene aggiunto durante la fermentazione per proteggere il vino dall'ossidazione, ma anche per limitare i depositi ed evitare lo sviluppo di lieviti e batteri. 

L'aggiunta di zolfo al vino è comune per prolungarne il potenziale di conservabilità. Tuttavia, nei vini dolci e in quelli senza solfiti aggiunti, la qualità sanitaria è essenziale. Le norme generali impongono limiti massimi per l'industria alimentare. 

Alcuni esperti diranno che esistono altri input più naturali con le stesse proprietà. Ma se i viticoltori continuano a utilizzare i solfiti nonostante le polemiche, è perché la loro efficacia non ha eguali. Inoltre, gli input alternativi sono spesso molto più restrittivi da utilizzare e richiedono un’eccessiva modifica delle tecniche di vinificazione.

Possiamo dire che i solfiti svolgono un ruolo essenziale nella vinificazione, garantendo un'igiene di conservazione rigorosa ed impeccabile.

Solfiti del vino: quali sono i pericoli per la salute?

Quando si parla di aggiunte al vino, la questione della salute viene subito in primo piano. In effetti, non è mai rassicurante sapere che stiamo consumando composti chimici. Vediamo se i solfiti rappresentano un rischio per la salute pubblica dei consumatori.

Intolleranze e allergie ai solfiti

Il consumo di solfiti può causare reazioni allergiche, sebbene ciò rimanga raro. In questo caso il vino non è l’unico problema per l’interessato, perché i solfiti sono presenti in molti alimenti. I sintomi più comuni sono arrossamento della pelle, difficoltà di respirazione o addirittura dolore addominale.

Senza avere un'allergia è possibile anche essere molto sensibili agli effetti dei solfiti sull'organismo. In questo caso, e a seconda della tua sensibilità, puoi scegliere di bandire il vino dalla tua vita quotidiana, oppure rivolgerti a vini con solfiti naturali o vini senza solfiti aggiunti, il cui contenuto di solfiti sarà molto inferiore.

Solfiti ed emicrania: mito o realtà?

Chi non ha mai sentito qualcuno affermare che il vino gli fa venire l'emicrania? In realtà non esiste una vera prova scientifica di ciò. D'altro canto possiamo immaginare che persone molto sensibili ai solfiti e predisposte all'emicrania possano avvertire tali effetti collaterali bevendo un bicchiere di vino. Emicrania o mal di testa possono essere un sintomo diintolleranza ai solfiti.

Tuttavia, sono stati intrapresi diversi studi per determinare il ruolo dei solfiti nell'emicrania dei consumatori che non sono né intolleranti né allergici. È emerso che il composto dello zolfo può agire sulla dilatazione dei vasi sanguigni e accelerare l'insorgenza del mal di testa.

Se si nota una leggera intolleranza ai solfiti, è meglio passare ad un vino senza solfiti aggiunti, e consultare un medico. Inoltre, spesso è necessario correlare i sintomi con il consumo di alcol, piuttosto che con il consumo di solfiti, perché l'alcol è molto più pericoloso per la salute e provoca numerosi effetti indesiderati.

 

Come si fa a sapere se un vino contiene solfiti?

Per avere un'idea più o meno precisa del tenore di solfiti in un vino è sufficiente fare riferimento all'etichetta presente sulla bottiglia di vino. Legalmente, una dichiarazione è obbligatoria per tutti i vini con un dosaggio di solfiti maggiore o uguale a 10 mg/l. Potremo quindi vedere la dicitura “contiene solfiti” oppure “contiene solfiti aggiunti”, “vinificazione senza solfiti” senza necessariamente avere dettagli sulla quantità precisa.

L'aggiunta di zolfo al vino è comune per prolungarne il potenziale di conservabilità. Tuttavia, nei vini dolci e in quelli senza solfiti aggiunti, la qualità sanitaria è essenziale. Le norme generali impongono limiti massimi per l'industria alimentare. Le fasi della vinificazione influenzano la velocità delle reazioni. L'etichetta biologica garantisce vini naturali con solfiti presenti in basse dosi, riducendo il rischio di reazioni allergiche.

In genere, i viticoltori che ne utilizzano poco, se non per nulla, lo menzionano sulle etichette per distinguersi dalla concorrenza e informare i propri consumatori.

Infine, se si cerca un vino con pochi solfiti, o senza solfiti aggiunti, è meglio rivolgersi a un vino naturale o a un vino biologico. Il disciplinare di queste tipologie di vino, infatti, limita molto i livelli di solfiti.

 

Anche se talvolta sono responsabili di alcuni inconvenienti, i solfiti sono essenziali per la produzione di buoni vini. E se vuoi degustare buone bottiglie di vino a basso contenuto di solfiti , non esitare a scoprire le annate di vino biologico delle nostre tenute provenzali.

 

 


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni