Guide des cépages : tout savoir sur le nielluccio

Guida ai vitigni: tutto quello che c'è da sapere sul nielluccio

Coltivato principalmente in Francia, e più in particolare in Corsica, il nielluccio è un vitigno a bacca nera che assume nomi diversi a seconda delle regioni viticole. Scopri nel dettaglio il nielluccio, le sue origini e le sue caratteristiche.

 
Per saperne di più sui vitigni vi invitiamo a leggere la nostra guida sui vitigni .
 

Le origini di nielluccio

Il Nielluccio è un vitigno a bacca rossa originario dell'Italia, e più precisamente della regione del Chianti, in Toscana, dove viene piuttosto chiamato sangiovese. Coltivato fin dal XVIII secolo in Abruzzo, si è poi diffuso in tutti i vigneti della costa adriatica, fino a diventare il vitigno dominante della Corsica, con una produzione complessiva di più di 500 ettari di vigneti.

Sull'Isola della Bellezza, è soprattutto a Patrimonio che si sta sviluppando maggiormente, ma è stato ritrovato recentemente anche nell'Hérault e in Provenza, dove alcuni viticoltori hanno accettato la sfida di piantarvi 170.000 piante circa dieci anni fa.

Il Nielluccio viene coltivato anche negli Stati Uniti, in Australia e in Argentina, oltre che in tutti i paesi dal clima caldo e soleggiato.

Buono a sapersi: il nielluccio ha nomi diversi a seconda del paese. Nell'Unione Europea è chiamato anche sangiovese o prugnolo gentile.

 

Le principali caratteristiche del nielluccio

Nei vigneti riconosciamo il nielluccio per i suoi grappoli allungati e i suoi acini di forma ellittica. Le foglie giovani hanno un bel colore giallo, tendente al bronzo, e le foglie adulte sono cuneiformi e complete.

Amando i climi caldi e il sole, nonché terreni argilloso-calcarei e poco fertili, il nielluccio può dare una resa elevata, anche se la qualità del vino può essere diminuito.

Infine, il nielluccio resiste particolarmente bene alla siccità, ma è molto sensibile alla flavescenza dorata. Anche l'oidio può indebolirlo, ma resiste abbastanza bene al marciume grigio.

 

Buono a sapersi: sono approvati 5 cloni di nielluccio, tra cui 902, 903 e 904.

 

Vini a base di nielluccio

Il Nielluccio, o sangiovese, permette di ottenere vini rossi e rosati pieni di sole. In Italia si producono vini rossi corpulenti e corposi, con aromi di frutti neri (prugna, ciliegia, marasca) e note di erbe secche. I tannini sono molto potenti, senza mascherare l'acidità spesso sorprendente.

Sul versante corso, le uve nere offrono diverse note fruttate, così come aromi speziati e tannini più fini.

In generale i vini rossi a base di nielluccio sono corposi e hanno un buon potenziale di invecchiamento.

L'Italia rimane il più grande produttore di nielluccio al mondo, con quasi 90.000 ettari di vigneti. Distinguiamo poi diversi grandi vini prodotti da questo vitigno a bacca rossa, come il Chianti DOCG (l'equivalente dell'AOC francese), il Vino Nobile di Montepulciano DOCG, o anche il Brunello di Montalcino DOCG (vini rossi nielluccio in purezza).

In Toscana, il Nielluccio viene spesso assemblato con altri vitigni a bacca rossa, come Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Syrah.

 

Quali abbinamenti enogastronomici per il nielluccio?

Il Nielluccio è un vitigno piuttosto versatile, che consente di produrre diverse gamme di vini, che vanno dal vino rosato leggero e fruttato al vino rosso potente e tannico. Gli abbinamenti enogastronomici sono molteplici e una buona bottiglia di nielluccio potrà accompagnarvi nei vari momenti del pasto.

Tieni presente, tuttavia, che alcuni matrimoni sono più gustosi di altri:

  • Come aperitivo, con tagliere di salumi;
  • Come secondo piatto, con carni arrosto, come maiale, manzo o agnello, o piatti a base di pomodoro;
  • Con formaggi cremosi;
  • Per dessert, con ricette a base di frutta.

Come molti vini del Sud, le bottiglie di vino a base di nielluccio sono molto apprezzate durante i pasti estivi. Si può poi virare verso un'annata fresca e leggera. Ma da quest'uva nera si possono ottenere anche vini ricchi e corposi, che faranno miracoli con i piatti più generosi e gourmet.

 

I nostri vini a base di nielluccio

La tenuta Saint-Roux produce ogni anno il millesimato Friponne , a IGP Méditerranée . Questo vino rosato biologico è ottenuto da 7 vitigni: Nielluccio, Cinsault, Colombard, Viognier, Marselan, Merlot e Pinot Nero.

Presentando un bel colore pesca pallido, questo vino rosato della Provenza rivela, al naso, aromi di drupacee mature e frutti bianchi. Al palato scopriamo un vino morbido e rotondo, con un perfetto equilibrio tra volume e freschezza.

Questa cuvée dalle origini misteoffre un vino originale e intenso, che si sposa perfettamente con aperitivi gourmet, ma anche con una generosa cucina mediterranea. Dal pesce alla griglia ai fiori di zucca ripieni, passando per i gamberi alla griglia, il nostro vino rosato a base di nielluccio delizierà tutti i palati.

 

Il nielluccio è un vitigno rosso dalle molteplici qualità, che può produrre vini sia leggeri che potenti.

Domaine Saint-Roux sfrutta così le sue potenzialità per offrire un vino rosato fruttato e gustoso.

 

 

 

 


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni