8 expressions qui marchent à tous les coups pour parler du vin

8 espressioni che funzionano ogni volta quando si parla di vino

Ti è mai capitato di non sapere cosa dire quando qualcuno ti chiede cosa ne pensi del vino che stai degustando? Che sia con gli amici, con gli appassionati di vino esperti o anche al ristorante, questa situazione può diventare rapidamente imbarazzante. Per farti uscire dallo sconforto di questo momento, ecco 8 espressioni per parlare di vinocome un professionista! 

Descrivere l'aspetto visivo di un vino

Ogni degustazione di vini inizia sempre con l'analisi visiva. Si può quindi iniziare evocando il colore o la consistenza del vino nel bicchiere, attraverso diverse espressioni molto comuni.

Ha un bellissimo vestito!

Noterai che ilcolore del vinoè uno dei primi elementi che analizziamo quando serviamo un bicchiere di vino bianco, vino rosso o vino rosato. Stiamo quindi parlando del suo colore, della sua chiarezza e del suo intensità. Osservate poi il vostro vino in controluce, su fondo bianco, per analizzarne le caratteristiche. Puoi quindi assumere diverse qualità:

  • L'età del vino: i vini rossi giovani tendono al viola e assumono un colore marrone con l'invecchiamento. Per quanto riguarda i bianchi, i vini giovani rivelano riflessi verdi, che col tempo lasciano il posto a note dorate e ramate;
  • L'intensità del vino: posiziona il bicchiere su un tavolo e mettiti sopra di esso. Se si vede la base del bicchiere, il vino non è molto intenso. Viceversa, se non si vede il bicchiere, il vino è molto intenso. Questo dà un'indicazione dell'età del vino, che acquista intensità con il tempo, ma anche della tipologia del vitigno;
  • La chiarezza del vino: è possibile determinare se la trasparenza del vino non è disturbata dai residui.

Ha le gambe!

Quando un amante del vino ti parla della gamba, della coscia o anche della lacrime di vino, si riferisce alle tracce che il vino lascia sulla parete del bicchiere. È anche per osservare questa caratteristica che i degustatori roteano il loro vino nel bicchiere.

L'obiettivo di tale analisi è decifrare il grado alcolico e la cremosità del vino . In effetti, lacrime (o gambe) spesse e grasse suggeriscono che il vino contiene un alto livello di alcol e glicerolo, che contribuiscono alla morbidezza del vino.

 

Descrivere l'aspetto olfattivo del vino

Il secondo passo nella degustazione del vino è annusarlo, scoprirne gli aromi. Lo chiamiamo naso del vino e si possono usare diverse espressioni per definirlo.

Il suo bouquet è magnifico!

Quando un enologo parla del bouquet del vino, non bisogna necessariamente aspettarsi che il vino sprigioni note floreali. In realtà con il termine “bouquet” si intendono tutte le caratteristiche olfattive dei vini. Distinguiamo poi gli aromi primari (dal vitigno), gli aromi secondari (dal della tecnica di vinificazione e fermentazione) e gli aromi terziari(da invecchiamento).

Quando ci complimentiamo con il bouquet di un vino, generalmente è per i suoi aromi terziari particolarmente sviluppati. Ma le caratteristiche del bouquet evolvono nel tempo e questo termine ha sempre una connotazione positiva.

Il suo primo naso è complesso!

L'analisi olfattiva dei vini rossi, bianchi e rosati avviene in più fasi. Si può quindi evocare il primo naso, che corrisponde agli aromi percepiti prima di agitare il vino nel bicchiere. Se noti che risalta un odore specifico, allora puoi parlare di un primo naso limpido. Se più profumi si scontrano insieme, parliamo di naso complesso. Poi arriva il secondo naso, dopo aver aerato il vino agitandolo nel bicchiere.

È chiuso !

Anche dopo aver aperto una buona bottiglia di vino, questa può rimanere “chiusa”. Unvino chiusosi riferisce quindi a un naso molto discreto e poco espressivo. Questo non è necessariamente un difetto, poiché dipende da molti fattori, come il vitigno o la denominazione. Inoltre, un vino può finire per aprirsi, se gli diamo tempo. Per aiutarlo nel processo, puoi farlo roteare nel bicchiere per aerarlo. Potete anche decantarlo qualche ora prima di servirlo, per dargli il tempo di aprirsi e rivelarsi.

 

Descrivere l'aspetto gustativo di un vino

L'esperienza di degustazione si conclude con prendendo il vino in bocca. Anche in questo caso il vocabolario gustativo è vasto e specifico, consentendo di descrivere ogni sensazione percepita in bocca.

È molto vivace!

La vivacità di un vino si riferisce alla sua acidità. Lo riconosciamo da questa sensazione di acidità che fa venire l'acquolina in bocca, ma che porta anche una sensazione di freschezza. Più un vino è acido, maggiore sarà la salivazione. Questa caratteristica non è assolutamente un difetto, perché l'apprezzamento dell'acidità è una questione di gusto personale.

Un vino caratterizzato dall'acidità viene quindi qualificatonervoso, vivace o teso. Al contrario, un vino con un basso livello di acidità viene descritto come mou, o tenero .

Il suo attacco è schietto!

L'attacco di un vino corrisponde alle prime sensazioni percepite al primo assaggio. Se la sensazione è molto marcata, allora diciamo che l'attacco è schietto o potente. All'eccesso può essere aggressivo o, al contrario, troppo morbido. Idealmente, dovrebbe essere elegante o rotondo!

Dopo l'attacco al palato seguono altre due fasi dell'esperienza gustativa: la metà del palato e il finale.

Offre una bella persistenza in bocca!

Eccoci quindi alla fase finale della degustazione: la finale. Se certi aromi di frutti rossi, fiori, cuoio o anche spezie persistono a lungo in bocca dopo aver deglutito o sputato il vino, allora diciamo che ha unabella lunghezza , e che lascia una piacevole sensazione in bocca.

Lo avrai capito, esiste un vocabolario molto specifico per parlare di vino .

Ti piacerebbe sapere come rispondere a domande base su un vino e discutere le qualità di un'annata senza arrossire? Hai ormai le conoscenze minime per riconoscere le caratteristiche di un vino e parlarne con disinvoltura.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni