vin en biodynamie

Da dove nasce il vino biodinamico?

Negli ultimi anni la consapevolezza dell’emergenza ambientale e il desiderio di prendersi cura della propria salute hanno modificato notevolmente i modelli di consumo. Nel mondo del vino, ciò si riflette in un crescente interesse per tipi di vino precedentemente poco conosciuti, come è il caso vino biodinamico.

 

La storia della biodinamica

La biodinamica è un concetto inventato all'inizio del XX secolo dal filosofo austriaco Rudolf Steiner. L'inventore risponderà così alla crescente preoccupazione di molti agricoltori, di fronte all'aumento dei fertilizzanti chimici e dell'agricoltura industriale. Ha poi condotto diverse conferenze sull'argomento principi base dell’agricoltura biodinamica, che poi chiamò “fecondazione biologica”.


Rimasta a lungo nella cerchia privata di Steiner, questa informazione fu resa pubblica negli anni '60 e molti viticoltori la applicarono nei loro vigneti.

 

Vino biodinamico: definizione

E vino biodinamico soddisfa determinati requisiti, sia durante la coltivazione della vite che durante il processo di vinificazione.

  • IL biodinamica nei vigneti : un vino biodinamico deve essere ottenuto da uve provenienti da agricoltura biologica. Non sono ammessi prodotti chimici di sintesi e i terreni vengono energizzati e protetti dalle malattie attraverso l’uso di preparati a base vegetale. Per promuovere la biodiversità del vigneto e ottenere uve di qualità, il viticoltore si affida quindi al calendario lunare biodinamico per coltivare le sue viti;
  • IL biodinamica durante la vinificazione : una volta completata la vendemmia, la produzione di vino biodinamico limita l'utilizzo di input e solforosa.

 

Vini biodinamici: input autorizzati

IL vinificazione biodinamica soddisfa specifiche rigorose, fissando i limiti per l'aggiunta di input e zolfo.

  • IL input consentiti durante la vinificazione: anidride solforosa (SO2 o zolfo), ovoalbumina (ovalbumina), bentonite, saccarosio (zucchero) e carbone enologico;
  • IL dosaggio autorizzato di solfiti : 60 mg per litro per il vino rosso, e 90 mg per litro per il vino bianco e rosato.

 

Vino biodinamico e vino biologico: qual è la differenza?

Poiché un vino biodinamico proviene da agricoltura biologica e limita gli input, Il vino biodinamico è necessariamente un vino biologico. D'altra parte, non è sempre vero il contrario, perché l'agricoltura biodinamica spinge l'impegno oltre l'agricoltura biologica, limitando ulteriormente l'uso di input e utilizzando preparati a base di piante per la coltivazione della vite.

 

I principi del vino biodinamico

La biodinamica è un particolare tipo di agricoltura, che si basa su principi propri, e che richiede un impegno concreto da parte viticoltori biodinamici.

Nel rispetto del calendario lunare biodinamico

IL agricoltori biodinamici sono convinti dell'influenza della forza cosmica (la luna e i pianeti) e della forza terrestre sulla crescita delle piante e dell'uva.


Diversi studi dimostrano che le posizioni delle stelle determinano i periodi più favorevoli per la coltivazione di frutta e verdura, ma anche di fiori. Ecco come a calendario biodinamico è stato creato negli anni '60 per aiutare gli agricoltori biodinamici a determinare i periodi favorevoli per la semina, la raccolta e anche la raccolta.


Nel mondo della viticoltura, questo calendario lunare consente ai produttori di vino di definire le date delle diverse fasi della produzione del vino biodinamico (potatura della vite, vendemmia, svinatura, imbottigliamento, ecc.).

Proteggi le viti ed energizza il terreno

L'altro principio fondamentale di coltivazione biodinamica si basa sulla tutela della vite e sulla rivitalizzazione del terreno. Le specifiche richiedono quindi l'uso di preparati erboristici e minerali per energizzare e fertilizzare il terreno, ma anche per facilitare il compostaggio della sostanza organica.

Questi preparati mirano anche a proteggere la vite dalle malattie, dalla siccità e dal gelo.

 

Preparati erboristici, o preparati biodinamici

Per soddisfare i requisiti della viticoltura biodinamica e limitare gli apporti chimici, l'enologo utilizza quindi preparati a base vegetale, chiamati preparati. Ecco i principali preparati biodinamici.

Sterco di corno o preparazione 500

IL preparazione 500, O sterco di corno, non è altro che un corno di vacca ricoperto di sterco di vacca, che viene sepolto nel terreno della vigna quando arriva l'inverno. La fermentazione dello sterco di vacca a contatto con il corno e il terreno contribuirà poi a favorire la struttura del terreno, a migliorare l'apparato radicale delle viti, a stimolare la vita microbica e a formare l'humus.


Alla fine dell'inverno il corno viene dissotterrato e mescolato con acqua. Il vortice così creato viene spruzzato sulle viti per energizzarle.

Corno di silice o preparato 501

Basato sullo stesso principio dello sterco di corno, corno di silice sostituisce lo sterco di mucca con quarzo. Il corno viene poi sepolto per 6 mesi, prima di essere dissotterrato, mescolato con acqua e spruzzato nella vigna.


Il corno silice facilita così l'assimilazione della luce e lo sviluppo delle foglie della vite, e permette di ottenere uve di migliore gusto e qualità nutrizionale.

Compost di letame (CBMT)

IL compost è stato inventato da Maria Thun, ed è composto da sterco di mucca, oltre a numerosi elementi di compostaggio (polvere di basalto, gusci d'uovo, ecc.). L'obiettivo del compost di letame è quello di sviluppare la vita microbica, incoraggiando la decomposizione della materia organica e delle piante.

 

Riconoscere i vini biodinamici: le etichette

Il vino biodinamico è facilmente identificabile grazie all'etichetta ad esso assegnata, che è riportata sull'etichetta della bottiglia di vino. Allora esiste 2 etichette biodinamiche principale.

  • IL etichetta Biodyvin, specializzata dal 1995 nell'etichettatura dei vini biodinamici;
  • IL etichetta Demetra, che dal 1932 rilascia la certificazione biodinamica in tutti i settori dell'agricoltura e non specificatamente in quello della viticoltura.

 

Il vino biodinamico è in forte crescita negli ultimi anni, ma resta ancora poco conosciuto. È uno dei vini biologici e soddisfa principi molto severi di rispetto ambientale. Impegnata anche in un approccio eco-responsabile, la tenuta bernese produce Vini biologici della Provenza che rispecchiano perfettamente il terroir.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni