vigne en hiver

Tutto quello che c'è da sapere sulla vite in inverno

In inverno, quando il freddo si fa sentire per diversi mesi, tutta la natura sprofonda in un sonno tranquillo e la vite non fa eccezione. Ma se ogni pianta di vite riposa in attesa dei primi germogli della primavera, non è così per i viticoltori, che hanno il loro bel da fare per assicurarsi il prossimo raccolto. Scopriamo tutti i lavori della vite in inverno.

 

Potatura della vite in inverno

Dopo aver regalato i suoi grappoli più belli, le viti si prendono una meritata pausa. Durante questo riposo invernale, i vigneti vanno in letargo fino alla primavera. Ma questa breve tregua non è un periodo di riposo per i viticoltori, che devono già preparare le viti per la prossima stagione. Quindi, dopo aver effettuato la prepotatura delle viti in autunno, il lavoro prosegue in diverse fasi, durante tutto l'inverno, ed in particolare con la potatura.

Il comportamento della vite in inverno

Per comprendere il vantaggio della potatura delle viti durante il periodo dormiente, è importante sapere come si comportano le viti in questo periodo dell'anno. Infatti, per poter resistere al freddo, osserviamo un fenomeno sorprendente, durante il quale la linfa della vite scenderà gradualmente dalla pianta, per raggiungere le radici. Tutta l'energia viene poi concentrata nelle parti essenziali della vite, permettendole così di resistere meglio alle forti gelate e al freddo estremo.

Il vantaggio della potatura annuale della vite

Se lasciamo che la vite cresca come vuole, crescerà continuamente. Alla fine, i rami e le foglie saranno molto numerosi, e la vite dovrà distribuire tutta la sua energia tra queste diverse parti, per garantirne la sopravvivenza. Risultato: ogni grappolo d'uva non avrà abbastanza nutrienti ed energia per offrire le qualità necessarie per fare il vino.

La potatura della vite permette poi di regolare la crescita delle viti, in modo che producano più frutti che legno, ma permette anche e soprattutto di concentrare tutto l'energia sulle gemme più promettenti, per ottenere uve di qualità.

Una potatura non semplicissima da effettuare

In generale, una volta che la linfa è nelle radici, è più facile potare i rami. Inoltre, se il taglio viene effettuato troppo presto, il viticoltore corre il rischio di far fuoriuscire la linfa, complicando quindi la guarigione della vite.

Ma in realtà potare una vite non è così semplice e richiede molta perizia. Si tratta quindi di dotarsi di cesoie da potatura, di effettuare la potatura a mano e di essere vigili nella selezione delle gemme di qualità. Alcuni, infatti, daranno frutti, ma non tutti. È quindi necessario rimuovere i rami superflui individuando i germogli che non daranno nulla, per mantenere solo il ramo principale, che garantirà un bel grappolo d'uva .

Le diverse tipologie di taglia

I viticoltori possono scegliere il tipo di potatura che desiderano per dare alle loro viti le migliori possibilità di fiorire pienamente:

  • La potatura a calice, una potatura corta preferita nei vigneti mediterranei;
  • La vita della corda Royat, una vita in cui rimangono solo una o due braccia;
  • La potatura a Guyot, una potatura in cui si conservano solo i germogli fruttiferi;
  • La vita a lira, una vita ampia e alta per ottimizzare la luce solare.

 

Proteggere la vite durante l'inverno

L'inverno è un periodo vegetativodove le viti sono particolarmente esposte al freddo, elemento che può portare a conseguenze drammatiche. L'enologo garantisce poi la qualità delle future uve eseguendo altri passaggi, complementari alla potatura.

Piantare nuove viti

Certo, è fondamentale prendersi cura delle viti esistenti, ma è anche importante sostituire le viti usurate e piantare viti giovani. Allo stesso tempo, c’è molto lavoro in vigna, compresa la manutenzione e la riparazione di pali e fili.

Proteggere le viti dal freddo

Dalla fine dell'autunno e fino alla primavera i periodi di gelo rappresentano un grande pericolo per la vite. Il viticoltore deve quindi proteggere i suoi filari dal freddo e dal gelo, utilizzando diverse tecniche:

  • hilling, che consiste nel ricoprire le viti con la terra;
  • Illuminazione con candele riscaldanti o braseros, che permette di riscaldare il vigneto, offrendo un bello spettacolo;
  • L'aspersione, che consiste nel spruzzare acqua sulla vite prima di un periodo di gelo...

Prepararsi al ritorno della primavera

Con l'arrivo di marzo le temperature aumentano gradualmente e il rischio di gelate è meno significativo. Quindi, per permettere alle viti di risvegliarsi lentamente, i viticoltori effettuano il dissodamento, cioè rimuovono la terra dai piedi delle viti. tra le file.

 

E cosa succede nelle cantine in inverno?

Anche in cantina il viticoltore non si annoia in inverno. Dalla fine dell'autunno, e fino a marzo, si svolgono poi diverse fasi di vinificazione :

  • L'assemblaggio del vino nuovo;
  • Imbottigliamento di vino novello;
  • L'allevamento del vino da invecchiamento;
  • Svinatura (separazione del vino limpido e del suo deposito);
  • La produzione del vino ghiacciato, da vendemmie molto tardive, dopo che le uve sono congelate;
  • La copertura del vino...

 

L'inverno è un periodo molto intenso per i viticoltori, che devono garantire che ogni vite sia protetta dal freddo. Per saperne di più sulla viticoltura in tutte le stagioni, non esitate a visitare le cantine e il vigneto della tenuta Berne.

 

Impara di più riguardo la vite in primavera


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni