Tout savoir sur la région viticole Corse

Tutto quello che c'è da sapere sulla regione vinicola della Corsica

La Corsica è rinomata per le sue spiagge paradisiache e i suoi sentieri escursionistici, ma è anche la culla di grandi vini. I suoi vigneti beneficiano da secoli di un terroir e di un clima particolarmente favorevoli alla viticoltura. Il Château de Berne in Provenza svela i segreti del regione vinicola della Corsica.

 

La storia del vigneto corso

IL Vigneti corsi emerse nel VI secolo a.C. aC, grazie all'impianto della vite prima da parte dei Greci, poi dei Romani. Nel Medioevo, come ovunque in Francia, la viticoltura era allora sotto la direzione degli ordini religiosi, che permisero di intensificare la produzione nell'isola della bellezza.

Ma è soprattutto dalla fine del XVIII secolo alla fine del XIX secolo che il Regione vinicola corsa sta vivendo una crescita significativa, in particolare grazie all'arrivo della ferrovia a Sète, che faciliterà l'esportazione del vino.

Sfortunatamente, l'isola non fu risparmiata dalla crisi della fillossera negli anni '70 dell'Ottocento Viti corse subisce quindi gravi danni.

Fu solo negli anni '60 che ciò accadde Vigneti corsi riescono a riprendere il sopravvento, grazie al ritorno di quasi 17.000 rimpatriati dall’Algeria. Là coltivazione della vite quindi mira a ottenere il massimo rendimento possibile, e il Vigneti corsi, finora coltivate a basse rese, stanno diventando viticoltura su scala industriale. Sfortunatamente, la quantità ha preso il sopravvento sulla qualità e il vino corso è diventato un vino da tavola più modesto.

Nel 1975 scoppiò uno scandalo finanziario attorno ai grandi viticoltori e commercianti di vino industriali, e portò a Vigneti corsi alla loro perdita.

Il governo è quindi obbligato a prendere misure per porre fine alla rivolta dei viticoltori corsi, e mette fine ai vigneti industriali, per sottolineare una situazione una viticoltura più qualitativa e più ragionata.

 

La geografia del vigneto corso

IL Regione vinicola della Corsica si estende lungo tutta la costa dell'isola, coprendo quasi 7.000 ettari. Distinguiamo quindi 4 grandi regioni viticole, che producono vini di grande diversità:

  • L'Corsica occidentale (2/3 dell'isola), con terreno granitico;
  • L'Corsica orientale, con terreni scistosi;
  • IL Corsica nordoccidentale, con terreno calcareo;
  • IL Costa orientale della Corsica, con terreni silico-argillosi o argillosi.

In termini di clima, le valli della Corsica beneficiano di un soleggiamento molto forte, ma anche di microclimi, a volte mediterranei, a volte marini, a volte montuosi.

Le viti beneficiano quindi sia del caldo che del sole, ma anche delle forti piogge nelle regioni montuose e dell'elevata umidità. La vicinanza del mare porta anche venti più o meno forti, che influenzano lo sviluppo delle viti.

 

I vitigni in Corsica

La grande diversità di terroir e di climi rende la Corsica una terra adatta alla coltivazione di numerosi vitigni a bacca rossa e bianca. Allora distinguiamo quasi 30 vitigni in Corsica.

I principali vitigni a bacca rossa della Corsica

Se la Corsica coltiva, come il resto della Francia, varietà a bacca rossa come Carignan, Merlot, Grenache Noir, Pinot Noir, Syrah, Cinsault o Mourvèdre, ha anche vitigni endemici a bacca rossa, coltivato solo sull'isola.

Lo picchierò

Probabilmente viene dall'Italia, questo vitigno a bacca rossa della Corsica si trova nella AOC Corse, nella AOC Sartène e nella AOC Ajaccio, dove i terreni granitici gli permettono di esprimersi intensamente. IL Sconfiggilo, chiamato anche sciaccarello o Muntanaccio, offre vini nervosi, fini ed eleganti, con aromi di mandorla, caffè, lampone, spezie…

Non mi interessa

Direttamente dalla Toscana, questo vitigno nobile rende celebre l'AOC Patrimonio e rappresenta il principale vitigno a bacca rossa dell'isola. Chiamato anche niella, niellluccia, nielluccio, sangiovese o negretta, il niellocius ama i terreni calcarei. Produce vini densi e fini, dal colore rosso piuttosto intenso, con aromi di liquirizia e spezie. A volte vinificato in rosato, questo vitigno endemico regala sapori di albicocca, confettura, frutti di sottobosco, viola, ribes o anche drupacee.

I principali vitigni bianchi della Corsica

Anche in questo caso, il varietà di uva bianca Quelli tradizionali sono presenti in Corsica, come lo chardonnay, l'ugni blanc o il moscato. Ma troviamo anche a vitigno endemico che dà tutta la gloria al vino bianco corso: il vermentino. Chiamato anche rolle, vermentino o anche malvasia, questo vitigno bianco italiano offre un vino chiaro ed equilibrato, con aromi di camomilla, biancospino, nocciola, mela e pera. Vermentinu rende possibile la realizzazione vini bianchi secchi, ma anche vini bianchi dolci.

 

Denominazioni corse

I vigneti corsi hanno 7 AOC (denominazione d'origine controllata):

  • L'AOC Ajaccio (estensione dal Golfo di Porto al Golfo di Valinco);
  • L'Patrimonio dell'AOC (esteso su 7 comuni attorno a Patrimonio);
  • AOC Corsica Calvi;
  • L'AOC Corse Sartène;
  • AOC Corsica Figari;
  • L’AOC Corse Porto-Vecchio ;
  • L'AOC Corse Coteaux du Cap Corse.

Esiste anche una denominazione regionale in Corsica,Vino corso AOC, e una denominazione per i Vini Dolci Naturali (VDN), il Moscato di Capo Corsica.

 

La storia dei vigneti corsi ha danneggiato la reputazione dei loro vini. comunque, il regione vinicola della Corsica oggi produce vini eccezionali, che beneficiano della cornice ideale per offrire tutto il meglio che la vite ha da offrire.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni