Tout savoir sur la barrique de vin !

Tutto quello che devi sapere sulle botti di vino!

Il vino è stato a lungo trasportato in anfore, contenitori fragili e che perdevano, che complicavano lo stoccaggio e la conservazione del vino. Fin dall’antichità la botte di legno sostituì l’anfora, rendendo più agevole il trasporto e il lavoro degli uomini. Solo col tempo i viticoltori hanno scoperto i vantaggi dell'invecchiamento in botte.

 

Botte di vino: definizione

La botte, che può anche essere chiamata botte o botte, non è destinata solo alla conservazione del vino, ma anche a tutti i liquidi potabili, come l'olio, così come altri prodotti, come la polvere da sparo, o semi. Questo contenitore è poi formato da doghe, o doghe, assemblate tra loro mediante cerchi metallici.

L'utilizzo della canna vide dapprima il suo interesse per la sua leggerezza, e la sua forma rotonda, facile da trasportare e riporre. È solo col tempo che scopriamo l'influenza della botte di rovere sul vino in essa contenuto.

 

I diversi formati di botte

La botte di riferimento è la botte bordolese, che ha una capacità di 225 litri. Ciò rappresenta quindi 300 bottiglie da 75 cl, o anche 50 galloni (unità di misura inglese). Ricordiamo che gli inglesi sono stati per lungo tempo i principali acquirenti del vino francese, e che era necessario trovare una capacità del vino che facilitasse la conversione tra litri e galloni.

I viticoltori utilizzano talvolta altre botti, come la botte Borgogna (228 litri), o il quartaut (56 litri), la feuillette >(116 litri) o ildemi-muid(da 500 a 600 litri).

 

Invecchiamento del vino in botti di rovere

L'invecchiamento del vino è la fase che segue la macerazione, e che permette al vino di riposare, per continuare la sua evoluzione. Durante questa fase, le particelle sospese nel vino cadono sul fondo della vasca, generalmente attaccando il vino, chiarendo così il vino.1

L'invecchiamento può poi essere effettuato in diverse tipologie di contenitori, come la vasca di cemento, la vasca di acciaio inox, l'anfora, o la botte di legno. La scelta verrà fatta in base alla tipologia del vino, al vitigno, all'annata...

L'invecchiamento in botte ha sempre avuto molto successo, perché il legno consentescambi equilibrati tra legno e vino, ma anche tra ossigeno e vino. Questi scambi modificano nel tempo la composizione chimica e gli aromi del vino, come possiamo vedere nei grandi vini rossi di Bordeaux o di Borgogna, e in particolare nei vini da invecchiamento.

 

I vini invecchiati in botte sono davvero più tannici?

Il legno della botte, proprio come il vino, è una materia viva che contiene tannini. Ciò non vuol dire che il vino nelle botti vede i suoi tannini amplificati. Al contrario, l'invecchiamento in botte consente di arrotondare e ammorbidire i tannini del vino . Questo è anche il motivo per cui non tutti i vini sono adatti all'invecchiamento in botti di rovere, perché alcuni vitigni hanno naturalmente tannini troppo leggeri. Questo spiega anche perché l'invecchiamento in botte è spesso destinato ai vini rossi , piuttosto che ai vini bianchi .

 

L'influenza della botte sul vino

Se l'invecchiamento in botti di rovere gioca un ruolo sui tannini del vino, questo non è l'unico vantaggio di tale metodo.

Migliorare il potenziale di invecchiamento del vino

L'invecchiamento in botti di vino consente la microossigenazione del vino , che ha un'influenza diretta sulla sua capacità di conservazione. Il vino contenuto in una botte è quindi più adatto all'invecchiamento, e l'appassionato di vino riconosce il vino maturato in botte come un buon vino da invecchiare. Inoltre, gli scambi con il legno nella botte permettono ai tannini di essere più morbidi e fini, tutte caratteristiche che prolungano il potenziale di invecchiamento di un vino .

Apportare nuovi aromi al vino

Ogni tipo di botte porta caratteristiche particolari al vino. L'origine del legno di quercia è quindi importante. Ad esempio, il rovere francese è rinomato per la sua finezza e qualità e per gli aromi di vaniglia che offre al vino. Il rovere americano, ad esempio, dona aromi più dolci, come caramello, cioccolato o cocco.

Inoltre i diversi aromi possono derivare anche dalla tecnica di lavorazione della botte. Per ottenere la forma arrotondata della botte le doghe vengono riscaldate. Questo leggero riscaldamento può conferire note tostate ai vini (affumicato, cacao, caffè, pane tostato, ecc.).

Infine, la qualità degli aromi è direttamente legata anche all'età della botte. Logicamente, una botte nuova segnerà il vino più intensamente di una botte già utilizzata per un'annata precedente. A volte è possibile riconoscere i vini invecchiati in botti nuove dalla dicitura “legno nuovo” sull'etichetta della bottiglia di vino.

Gestire l'intensità degli aromi forniti dal legno

I viticoltori hanno la possibilità di dosare parzialmente l'intensità degli aromi del legno nel vino. Per fare ciò, scegli semplicemente barili di diverse dimensioni. Più piccola è la botte, minore sarà la quantità di vino che verrà a contatto con il legno. Al contrario, una botte grande contiene un volume di vino molto maggiore, il che limita il contatto con il legno.

 

L'invecchiamento del vino in botti ha una certa influenza sulla qualità e sugli aromi del vino. Questo potrà poi guidarti durante le tue prossime degustazioni di vino, o nell'acquisto delle tue future bottiglie di vino.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni