Présentation d'un vin au restaurant

Indizi che tradiscono una pessima carta dei vini al ristorante

Che piacere, al ristorante, regalarsi un bicchiere di vino o una bottiglia di vino per accompagnare il proprio menù. Il compito però non è così semplice e molti ristoranti non hanno vere e proprie competenze in campo enologico. Come possiamo sapere, allora, se a carta dei vini al ristorante è di qualità? Ecco alcuni indizi che possono guidarti.

 

La carta dei vini non riporta le informazioni obbligatorie

IL scrivere una carta dei vini per un ristorante è altamente regolamentato e determinate informazioni devono essere presenti. Pertanto, il regolamento CEE n. 2392-89, articolo 40 del 24 luglio 1989, impone ai ristoratori di indicare nelle loro carte dei vini:

  • IL prezzo netto vino, servizio incluso;
  • IL denominazione vino (denominazione o vitigno);
  • IL quantità del contenitore, sia che si tratti di un servizio al bicchiere, alla bottiglia o anche alla brocca;
  • IL colore del vino (vino rosso, vino bianco o vino rosato);
  • IL titolo alcolico tu vino;
  • IL provenienza vino (regione vinicola);
  • La menzione “agricoltura biologica” se questo è il caso.

Una carta dei vini deve avere tutte queste menzioni, nessuna esclusa. Questo è un minimo legale che ti consente di farlo scegli il tuo vino con piena conoscenza del prodotto che verrà servito.


Se queste informazioni sono incomplete, o addirittura assenti, si può subito sospettare una grande mancanza di professionalità e conoscenza da parte dei ristoratori.

Inoltre, se uno dei vini menzionati nel menu non è disponibile, qualunque sia il motivo, il sommelier o il cameriere dovranno indicarlo nel menu.

 

La lista dei vini non è completa

Può succedere che una carta dei vini soddisfi tutti i requisiti di legge, ma che per alcune referenze manchino alcune informazioni aggiuntive. Ad esempio, puoi avere diversi vini molto ben documentati e, al centro dell'elenco, trovare un vino senza annata, senza colore o addirittura senza AOC.

Vuoi per dimenticanza, vuoi per ignoranza di queste precise informazioni, un problema del genere rivela una mancanza di serietà da parte del ristoratore. Possiamo quindi supporre che abbia commesso un erroresviluppare la tua carta dei vini, o peggio ancora, che non conosca con precisione i vini che ha in cantina.


Questo per lui è un punto negativo, perché la sua carta dei vini è vera. valore aggiunto per la sua istituzione. Il consumatore non dovrebbe essere costretto a cercare da solo le informazioni mancanti e dovrebbe essere in grado di scegliere il proprio vino con piena conoscenza di ogni annata disponibile.

 

La mappa non è di facile lettura

Una carta dei vini non è altro che una elenco delle bottiglie disponibili in cantina. Quindi, per rendere facile e piacevole la comprensione e la lettura, dobbiamo saper offrire un carta dei vini attenta, sia in termini di tipografia, sia anche di colori.


Come il curriculum della cantina, la carta dei vini deve quindi essere accattivante. Si consiglia addirittura di andare all'essenziale, proponendo una carta raffinata, con uno stile di scrittura gradevole e un carattere sufficientemente grande da facilitarne la lettura.


Allo stesso modo, nessun errore di ortografia dovrebbe attirare l’attenzione del cliente. In effetti, fare un errore di battitura su un AOC, un nome di dominio o anche un'annata è una mancanza di rispetto nei confronti dell'enologo e riflette una mancanza di professionalità.


Inoltre, a lista dei vini sciatta può suggerire ai clienti una mancanza di serietà nel servizio, come in cucina.

 

Il menu manca di varietà

In un ristorante ci aspettiamo ovviamente di trovare menù e menù vari, in modo da dare al cliente la possibilità di scegliere di assaggiare ciò che preferisce. Per il vino è la stessa cosa. Dobbiamo essere in grado di rispondere ai gusti dei clienti, e così offrire una variegata lista di vini.


Spesso vediamo carte dei vini che offrono solo vini rossi Bordeaux e vini bianchi Chardonnay. Se queste sono solitamente scommesse sicure, cosa sceglierà un cliente a cui non piacciono né l’uno né l’altro?


Allo stesso modo, un menu che elenca solo i vini della stessa azienda suggerisce che il ristoratore ha stretto una partnership con il viticoltore e che ha un prezzo vantaggioso sulle casse di bottiglie. Ma abbiamo il diritto di chiederci se abbia fatto davvero questa scelta qualità dei vini, o per il buon affare.


Infine, anche una carta dei vini poco varia può riflettere una carenza conoscenza enologica del ristorante, che arriva al punto e non si prende il tempo per lavorare sul suo menu.

 

È quindi consigliabile variare gli stili dei vini, che siano i colori, le regioni viticole, le strutture aromatiche, i gradi alcolici... Perché ognuno possa trovare quello che cerca!

 

Una mancanza di logica con il menu

Perché un vino possa essere apprezzato nel suo vero valore, bisogna saperlo trovareabbinamento cibo-vino perfetto, che esalterà sia il piatto che il vino. È quindi logico proporre a carta dei vini perfettamente coerente con il menù.


Un ristorante di specialità regionali deve quindi offrire vini della stessa regione, mentre un ristorante di pesce deve includere vini adattati ai prodotti ittici, e in particolare vini bianchi.


Ma la coerenza si ottiene anche in termini di prezzo e qualità della bottiglia di vino. Non sarebbe logico offrire vini pregiati per diverse decine di euro in un piccolo bistrot regionale. Al contrario, i clienti di un ristorante gourmet si aspettano di poter degustare annate eccezionali nel loro menu. Allo stesso modo, il vino al bicchiere dovrebbero essere offerti in ristoranti semplici e accoglienti.

 

Servizio vino inappropriato

Una volta scelto il vino, non è troppo tardi per verificare se il ristoratore è buono competenze enologiche o no. Non sempre, quindi, una carta dei vini perfetta garantisce un servizio impeccabile, ed è necessario rispettare alcuni criteri.

La scelta dei bicchieri da vino

Il vino non si gusta in un bicchiere qualsiasi. E se alcuni ristoratori pensano di fare originalità e design proponendo bicchieri originali, ciò riflette soprattutto una scarsa conoscenza del condizioni di servizio del vino.


Quindi, a bicchiere di vino deve avere un piede, per poter reggere il bicchiere senza scaldare il vino o lasciare impronte.

Infine, la dimensione del bicchiere deve essere adattata alla tipologia del vino:

  • Vino rosso: bicchiere da 35 cl minimo (da 50 a 70 cl l'ideale), riempito a metà;
  • Vino bianco e vino rosato: bicchiere da 30 a 35 cl, riempito per un terzo.

Inoltre anche l'apertura del bicchiere è importante a seconda del vino, e permette un servizio adeguato.

Temperatura di servizio del vino

Non tutti i vini si bevono alla stessa temperatura. Troppo freddo gli aromi saranno completamente mascherati, troppo caldo l'alcol sarà troppo imponente. Delle temperature di servizio devono pertanto essere rispettati:

  • Vino rosso: tra 12 e 18°C;
  • Vino bianco: tra 10 e 14°C;
  • Vino rosato: tra 9 e 12°C.

Si le scelta del vino è importante per te quando vai in un ristorante, ora sarai in grado di identificare la qualità del carta dei vini in uno sguardo. Se non ne sai molto, puoi rivolgerti al vini della Provenza, valori sicuri per accompagnare i vostri piatti.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni