vigne biologique

Tutto quello che devi sapere sulla manutenzione della vite biologica

Branca a sé stante dell'agricoltura, la viticoltura richiede un'attenzione particolare, ancor più quando si tratta di viticoltura biologica. Tutti i passaggi vengono poi seguiti in un ordine preciso e il viticoltore si impegna a rispettare scrupolosamente i disciplinari dell'agricoltura biologica. Sei curioso di saperne di più sul mantenimento della vite biologica ? Vi portiamo nei nostri vigneti!

 

Viticoltura biologica: i diversi passaggi per la manutenzione del suolo

Se i vigneti producono uve così buone, e da queste stesse uve si producono vini così buoni, è in gran parte grazie ai terreni. Essendo parte del terroir, proprio come il clima o i vitigni, il terreno è un attore importante nella viticoltura. Deve quindi essere mantenuto regolarmente per proteggere la vite da malattie e parassiti. Che si tratti di produrre vini biologici, vini naturali o vini biodinamici, la manutenzione del suolo viene effettuata in più fasi.

Pralinare le radici delle viti

La pralina è una miscela di sterco di mucca, argilla e acqua, che i viticoltori biologici applicano alla base delle viti prima dell'arrivo dell'inverno. L'obiettivo èproteggere la vite dal freddomentre le viti riposano. La pralina delle radici permette poi di mantenere una temperatura sufficiente nei rami, affinché la linfa, ricca di sostanze nutritive, continui a circolare fino ai germogli.

Tirando fuori alcune viti biologiche

In alcuni casi può accadere che il portainnesto o il vitigno coltivato su un appezzamento non sia adatto al terroir. La resa allora non c'è e il viticoltore è obbligato a sradicare queste viti, che verranno poi bruciate, per evitare la diffusione dei parassiti. Questa tecnica va applicata con cautela, poiché tende a traumatizzare i pavimenti. 

Erbaccia intorno alle viti

La viticoltura biologica è una modalità di produzione che non utilizza mai prodotti chimici o di sintesi, il produttore deve quindi utilizzare metodi delicati per garantire la crescita delle sue viti. L'inerbimento è una delle tecniche essenziali. Si tratta di rimuovere l’erba che cresce tra le viti, in modo che non entri in competizione con la pianta privandola delle sostanze nutritive presenti nel terreno.

L'utilizzo di spazzole interceppi permette poi di proteggere il terreno dall'erosione che potrebbe causare diserbo.

Concimare il terreno con sovescio

I fertilizzanti verdi sono tutte le piante coltivate con il solo scopo di nutrire e fertilizzare il terreno. Vengono poi posti ai piedi della vite e condividono con la vite tutte le loro buone sostanze nutritive.

Il sovescio ha il vantaggio di avere radici che facilitano la lavorazione del terreno e migliorano la penetrazione dell'aria e dell'acqua. Ma permette anche, dopo la vendemmia, di subentrare alle viti quando sono a riposo. Per tutto l'inverno, il vigneto biologico dorme, mentre i concimi verdi arricchiscono il terreno e immagazzinano buoni nutrienti in attesa della primavera.

Posiziona una copertura vegetale ai piedi delle viti

Allo stesso modo in cui in inverno ci piace coprirci con un caldo piumone, la vite apprezza che i nostri piedi siano al caldo. Le copripiante svolgono poi il ruolo di protezione dal freddo e dal gelo, ma hanno anche il vantaggio di proteggere il terreno dal disseccamento. Nella coltivazione biologica della vite la copertura vegetale è realizzata semplicemente in paglia, elemento molto efficace per contrastare il freddo e il gelo invernale.

In primavera, per risvegliare dolcemente il terreno e le viti, il viticoltore sostituisce la paglia con il letame.

Chiedi aiuto alle pecore

La viticoltura biologica mira a lasciare che la natura e la biodiversità si esprimano. Allora cosa c'è di più naturale che chiedere aiuto agli animali per preservare la qualità della vite? Il moutondeurfa parte delle tecniche di eco-pascolo, o ecopastoralismo, che consentono il mantenimento degli spazi da parte di animali erbivori.

Nei vigneti coltivati ​​biologicamente, le pecore pascolano poi su erba e fogliame che potrebbero danneggiare la corretta crescita delle viti. Questa tecnica, però, richiede un'attenzione particolare, perché la pecora non distingue realmente cosa può mangiare o cosa no. Occorre quindi evitare il periodo della fioritura, in quanto l'animale potrebbe rischiare di far cadere i boccioli, o semplicemente di mangiarli.

 

Lo scopo principale di tutte queste tecniche è evitare l'uso di prodotti fitosanitari. A seconda delle regioni viticole, i produttori applicano poi diversi metodi sull'intera superficie della vite, dai pesticidi naturali alla poltiglia bordolese (fungicida naturale).

 

Altre tecniche di manutenzione del suolo per la produzione di vino biologico

Per rispettare rigorosamente le specifiche imposte dall'Unione Europea, e che regolano l'ottenimento del marchio AB , si consigliano altre tecniche per prendersi cura di una vite biologica .

  • La vendemmia verde: alcune denominazioni impongono una resa massima per ettaro di vigneto. Quindi, per limitare la resa delle viti biologiche, il professionista può effettuare vendemmie verdi. Per questo, durante la fioritura, riduce il numero dei boccioli e trattiene quelli più belli e promettenti;
  • La potatura della vite in agricoltura biologica: la potatura della vite biologica può stressare la pianta. Per limitare il più possibile questo stress, e le malattie che può provocare, bisogna scegliere il momento perfetto per potare i rami. Bisogna poi attendere l'inizio della primavera, quando il clima si riscalda e la linfa risale lentamente lungo i rami;
  • Defilatura: affinché l'uva si riempia di sole e di zucchero, è necessario poterla dare una buona esposizione al sole. La potatura della parte superiore delle viti consente quindi la ventilazione della vite e esporre gli acini al sole. L'obiettivo è potare solo le estremità superiori, in modo che il fogliame continui a ombreggiare la base della vite.

 

Molto più rigorosa della viticoltura convenzionale, la viticoltura biologica è anche più rispettosa e attenta alla natura. Questo è ciò che gli permette di esprimere appieno la ricchezza del terroir, attraverso vini eccezionali come quelli che produciamo nella tenuta di Berna.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni