Dégustation des vins et sollicitation des sens

Degustazione di vini e stimolazione dei sensi

IL degustazione di vini fa appello a tutti i sensi. Saper riconoscere ed apprezzare un vino richiede tempo e pratica. Questo ti permetterà di perfezionare il tuo capacità olfattive e saper dare un nome a un colore, un aroma o un profumo.

 

Riconoscere gli aromi del vino: la memoria olfattiva

Chi non ha mai annusato un odore o sentito una musica che gli ha ricordato la sua infanzia, un momento specifico, un evento significativo? Questa sensazione viene dal tuo memoria olfattiva, in altre parole, la tua capacità di ricordare un odore e riconoscerlo tra tutti gli altri. Se per molti questa memoria olfattiva avviene in modo quasi istintivo, su di essa si può anche lavorare. Praticando riconoscere gli odori, i colori e gli aromi di un vino, imparerai poi ad affinare le tue capacità nel determinare un vitigno, un terroir e ad apprezzarne tutti i sapori.

Come imparare a riconoscere un vino ? È meglio esercitarsianalisi olfattiva quotidiano. Per questo sono possibili diverse tecniche.

IL odori di vino sono presenti ogni giorno nel tuo ambiente. Respirando profondamente, potrai discernere un odore di cuoio, di sottobosco, di frutti rossi, di funghi, di agrumi... Impara a individuarlo, a dare un nome a ciascun odore e a dissociarli dagli altri. .

Un secondo consiglio per esercitarsi a riconoscere gli aromi di un vino si chiama metodo della marmellata. I sapori predominanti dei vini rossi, bianchi o rosati sono spesso fruttati. Riconosciamo, ad esempio, un Pinot Nero dal suo aroma di ciliegia, o un Viognier dal suo gusto di albicocca. Poi esercitatevi a riconoscere i diversi sapori della frutta assaggiando diverse marmellate. Vi basterà far bollire uno o due cucchiai di marmellata in un po' di acqua di sorgente, quindi lasciar raffreddare. La degustazione rivelerà tutti gli aromi del frutto, che potrete memorizzare. Poi divertiti a rendere il gioco più complesso mescolando diversi frutti o aggiungendo spezie.

 

Degustazione vini: riconoscerlo al primo sguardo

In un processo di degustazione di vini, gli esperti iniziano sempre facendo roteare il vino nel bicchiere e poi osservandolo. Questo esame visivo è importante quanto il gusto o l'olfatto, poiché la vista permette di apprezzare la lucentezza, il colore del vino, i riflessi o anche la limpidezza di un vino. Questi elementi ti forniranno preziose informazioni sul vino che andrai a degustare, come l'età, il vitigno dominante o il metodo di vinificazione del vino. vino a piacere.

Servito in un bicchiere sottile ed elegante, sorretto dallo stelo, il vino è visto su uno sfondo bianco per creare un contrasto. Bisognerà poi esaminare sopra il vetro, e più in particolare il disco, questa circonferenza che il liquido forma sui bordi. Allora puoi guardare attraverso il vetro scoprire il colore del vino.

 

Degustazione di vino: notare l'odore del vino

L'olfatto interviene in due momenti ben precisi durante una degustazione: direttamente attraverso il naso, oppure attraverso il fondo della gola, dopo averlo messo in bocca (retroolfatto). È quindi essenziale per assaporare un vino e rilevare tutte le sottigliezze degli aromi.

L’avvicinamento al vino attraverso l’olfatto avverrà quindi in due fasi:

  • IL primo naso consiste nell'annusare il vino a riposo, con il calice fermo senza mescolare il liquido, per scoprire gli aromi più discreti;
  • IL secondo naso consiste nel girare il vino nel calice per liberare gli aromi e concentrarli nel collo del calice. Dovrai quindi immergere il naso oltre il bordo per sentire tutta la potenza degli aromi.

Dall'olfatto possiamo rilevare due tipi di aromi: aromi primari, proveniente dall'uva, e il sapori secondari, derivante dalla fermentazione e dal metodo di vinificazione.

 

Degustazione di vini: risveglia le tue papille gustative

Dopo aver osservato e annusato il vino, è il momento di farloprova di gusto. Non c'è bisogno di assumere grandi quantità di vino, basta un piccolo sorso in bocca per svelare i sapori che emergono successivamente. Il gusto è strettamente legato all'olfatto e retro-olfatto avrà un impatto diretto sull’apprezzamento dei sapori.

La degustazione di un vino prevede il passaggio attraverso 3 fasi essenziali:

  • L'attacco deve consentire, all'arrivo in bocca, di valutare se il vino è nervoso, vivace, equilibrato, potente... Portare aria in bocca durante il secondo sorso permetterà al vino di aerare, mentre così facendo girare in bocca coprirà tutte le papille gustative.
  • IL metà del palato ha lo scopo di valutare, dopo aver sputato il boccone, le sensazioni avvertite sulla lingua, poi mediante retroolfatto. Ciò permette di determinare la qualità degli aromi, dei tannini e dell'acidità.
  • IL finale determina il lunghezza in bocca vino, cioè la sua persistenza dopo averlo sputato. La permanenza di un vino in bocca si misura in caudalie (1 caudalie = 1 secondo). Si stima quindi che un vino longevo abbia tra le 5 e le 10 caudalie.

 

IL degustazione di vini richiede una certa tecnica che si acquisisce con il tempo e l'esperienza. Non esitate a esercitarvi degustando diversi vini bianchi, rossi o rosati, o a prenderne alcuni lezione di degustazione.




La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni