Comment les vignerons s’adaptent pour faire face au réchauffement climatique ?

Come si stanno adattando i viticoltori al riscaldamento globale?

Per molto tempo i viticoltori, e la popolazione in generale, sono rimasti molto dubbiosi sugli effetti del il riscaldamento globale sul pianeta. Con il passare degli anni è chiaro che il fenomeno è in crescita, e i primi impatti si fanno sentire in maniera forte. La viticoltura deve quindi evolversi e adattarsi per affrontare questi cambiamenti climatici che hanno un influenza sulla vite e sul vino.

 

Le conseguenze del riscaldamento globale sulla vite

Negli ultimi anni il mondo del vino ha visto svilupparsi un nuovo ambito lessicale per parlare della vite. Si parla poi di cambiamento climatico, adattamento, il riscaldamento globale… È infatti ormai impossibile negare i diversi episodi meteorologici di cui siamo sempre più vittime, e che riflettono una situazione particolarmente preoccupante per l’ambiente e il nostro pianeta.


Nelle viti questi cambiamenti climatici si traducono raccolti distrutti, delle Vini intrinsecamente modificati, delle raccolto anticipato, una minore acidità dei vini, E contenuto alcolico più elevato, delle gelate primaverili, delle temporali devastanti e grandinate

Non c'è dubbio quindi che i viticoltori non abbiano altra scelta che farlo adattarsi a questi cambiamenti poter continuare a produrre vino di qualità.

 

Le sfide del riscaldamento globale nel mondo del vino

Potere affrontare gli eventi atmosferici nuovi, sempre più frequenti e intensi, i viticoltori devono agire su più livelli.

Ridurre il calore sugli acini d'uva

Il cambiamento climatico è caratterizzato principalmente da temperature più elevate. comunque, il temperature eccessive nei vigneti hanno lo svantaggio di arrestare la maturazione dell'uva. I viticoltori sono quindi obbligati ad intervenire vitigno per vitigno per provarci ridurre l'impatto del calore sulle bacche.


Pertanto, nelle regioni vitivinicole del Sud, i viticoltori agiscono a livello disfogliatura delle foglie. Se fino ad ora eliminavano la maggior parte delle foglie di vite, oggi sono obbligati a conservarle tutte o parte, in modo da proteggere gli acini dal sole e dal caldo.


Il problema è ancora più difficile da trattare nelle regioni dove l’umidità rimane molto elevata. Associato al calore, fornisce un terreno fertile per la proliferazione dei parassiti. Il viticoltore è poi responsabile della riduzione dell'altezza della potatura dei giuramenti (rifilatura).

 

Affrontare periodi di siccità

Se la episodi piovosi in Francia sono sempre più potenti, ma sono meno frequenti e meno distribuiti durante l'anno. Ci ritroviamo poi con viti distrutte dalla pioggia e dalla grandine, mentre le riserve idriche diminuiscono drasticamente. IL scarse precipitazioni non sono più sufficienti per far fronte al lunghi periodi di siccità estiva, e i viticoltori devono essere creativi migliorare il drenaggio del suolo con tecniche di coltivazione che riempiono anche le falde acquifere, riducendo al contempo l’erosione.

 

Da nuove tecniche di coltivazione, sempre più professionisti scelgonoinerbimento delle viti. Questo metodo aiuta a proteggere il suolo, a rafforzare la biodiversità e a mantenere umide le viti.

 

Anticipare i limiti di irrigazione delle viti

Molti vigneti in tutto il mondo hanno sviluppato un sistema di irrigazione del vigneto per contrastare la siccità estrema (Argentina, California, ecc.). Molti professionisti del vino lo stanno prendendo in considerazione anche in Francia, e molti si chiedono se non sia, a lungo termine, l’unica soluzione per far continuare la produzione di vino.


Tuttavia le esperienze già in atto ci dimostrano che ilirrigazione del vigneto non risolverà il problema del riscaldamento globale nei vigneti e, soprattutto, non darà alcuna risposta alla carenza idrica che si fa sempre più sentire.

 

Adattare le varietà di uva ai cambiamenti climatici

Poiché la mancanza d'acqua sembra essere inevitabile a lungo termine, l'Istituto francese della vite e del vino (IFV) ha deciso di lavorare sul varietà di vite, per trovare vitigni con a migliore resistenza all'acqua. Molti viticoltori non hanno aspettato per ottenere una selezione portinnesto più resistente alla siccità. Hanno quindi deciso di coltivare vitigni più efficienti dal punto di vista idrico, come il Syrah o il Grenache.

 

Mantenere un equilibrio tra il grado alcolico e l'acidità del vino

Con il caldo la gradazione alcolica del vino aumenta e l'acidità diminuisce. I vini poi perdono questo equilibrio così essenziale per la loro qualità gustativa. Le ultime 3 annate lo testimoniano; gli enologi devono quindi intervenire rapidamente e le soluzioni a loro disposizione sono diverse:


  • Introduci il lievito limitare la produzione di alcol e/o aumentare l'acidità del vino;
  • Gioca su durata della macerazione del vino per trovare un buon equilibrio (lunga macerazione prima della fermentazione e fermentazione alcolica più breve).

 

Riscaldamento globale: un vantaggio per i viticoltori del Nord?

Si potrebbe pensare che i vigneti del nord vedrebbero il riscaldamento globale come un vantaggio. In queste regioni un tempo fresche, infatti, il caldo si intensifica e i vigneti beneficiano di un clima simile a quello del Sud, quindi favorevole alla viticoltura.


Ma non è proprio così, perché il riscaldamento globale non si limita all’aumento della temperatura, anzi incidenti climatici sono sempre più frequenti e violenti, mettendo in pericolo ogni estate molti appezzamenti di terreno al nord e al sud.

 

Il castello di Berna: una tenuta attenta all'ambiente

Di fronte ad un cambiamento climatico sempre più preoccupante, l’area bernese è impegnata produrre vini della Provenza rigorosamente rispettare l'ambiente. I produttori di vino bernesi approfittano quindi di tutta la ricchezza del terroir provenzale per coltivare viti generose. Con le sue notti fresche e le giornate soleggiate, la tenuta bernese coltiva 175 ettari di vite in agricoltura biologica, per produrre vini rossi, vini bianchi e vini rosati eccezionali, in AOC Côtes de Provence e IGP Méditerranée.


Inoltre anche il vigneto è certificato Alto Valore Ambientale (HVE) livello 3, un marchio che testimonia i risultati di prestazione ambientale dell'azienda e il suo impegno attività vitivinicola più sostenibile.

 

IL effetti del riscaldamento globale sono devastanti sotto molti aspetti e i viticoltori sono particolarmente colpiti. Se riescono a trovare soluzioni per contrastare questo fenomeno, è tempo di preoccuparsi. La tenuta di Berna agisce poi per preservare l'ambiente, offrendo a viticoltura biologica sostenibile.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni