Les biostimulants et la vigne : la lutte contre le changement climatique

I biostimolanti e la vite: la lotta ai cambiamenti climatici

Negli ultimi anni la viticoltura si è trovata ad affrontare sfide, in particolare di fronte agli effetti del riscaldamento globale sulla vite. Tra ondate di caldo e periodi di gelo intenso, le uve sono messe a dura prova e questo ha un impatto diretto sulla resa agricola di un vigneto. Per contrastare questo problema, ai viticoltori vengono costantemente proposte innovazioni, come l’uso di biostimolanti. Vediamo nel dettaglio cosa possono apportare alla vite i biostimolanti.

 

Comprendere i biostimolanti

Un biostimolante è una sostanza di origine naturale (vegetale o minerale) che ha il vantaggio di stimolare il processo fisiologico delle piantee in particolare della vite. Ciò consente quindi di migliorarne la resa, la qualità nutrizionale, ma anche la resistenza agli stress ambientali.

Nella vite i biostimolanti svolgono un ruolo importante per lo sviluppo delle piante di vite , favorendo la fioritura, l'allegagione, ma anche la maturazione dell'uva. Rappresentano quindi una delle soluzioni offerte ai viticoltori per adattarsi al riscaldamento globale .

Un biostimolante può contenere diversi organismi viventi, come funghi o batteri, ma può anche essere composto da materiali sintetici. Questa tipologia di prodotti non rientra nella categoria dei fertilizzanti, perché non sono propriamente nutrienti diretti per la vite. Essi, infatti, svolgono piuttosto un ruolo nel migliorare la nutrizione della vite, favorendo l'assorbimento degli elementi essenziali alla sua crescita.

 

I vantaggi dei biostimolanti per la vite

Applicati per spargimento sui terreni dei vigneti, o per aspersione sulle viti, i biostimolanti presentano numerosi vantaggi.

  • Migliorare la crescita radicale delle viti: stimolando lo sviluppo delle radici delle viti, il biostimolante consente loro di assorbire meglio i nutrienti dal terreno. Con radici sane le viti sono meglio protette dalle malattie;
  • Migliorare la fioritura e l'allegagione : stimolando questi processi, la vite produce frutti migliori, in maggiore quantità e qualità, e sappiamo quanto l'uva incide sulla qualità del vino ;
  • Migliorare la resistenza agli stress ambientali: i biostimolanti permettono alla vite di resistere meglio agli stress abiotici (siccità, grandine, gelo, vento, eccesso di acqua, ecc.) ) ;
  • Migliorare la qualità dell'uva: il biostimolante può influenzare notevolmente la composizione chimica del frutto, in particolare in termini di composti fenolici, responsabili del sapore e del colore dell'uva , ma anche resistenza alle malattie.

I biostimolanti sono diventati alleati essenziali nella lotta contro il cambiamento climatico. Promuovendo un aumento delle rese agricole preservando i criteri di qualità, questi additivi agronomici consentono una buona crescita delle colture. La loro applicazione giudiziosa da parte degli utilizzatori professionali contribuisce a un’agricoltura più sostenibile e resiliente.

Biostimolante: una soluzione per combattere il riscaldamento globale?

In viticoltura i biostimolanti vengono utilizzati in due modi:

  • Integrandoli completamente e sistematicamente in un programma di fertilizzazione;
  • Usandoli come integratori durante i periodi del ciclo di crescita un po' più critici.

In entrambi i casi il loro utilizzo ha dimostrato un reale impatto positivo sulla resistenza delle viti a condizioni climatiche sempre più rigide. I biostimolanti a base di estratti vegetali, sviluppati dalla società ADAMA, portano ad una riduzione dell'avvizzimento e dell'ingiallimento delle foglie (fino al 50%). Altri marchi ancora, come Vitality o Bioboon, dimostrano l'efficacia dei biostimolanti nella lotta contro il gelo , il colpo di calore, la siccità e persino lo stress idrico nelle aziende vinicole.

I biostimolanti svolgono un ruolo cruciale nella coltivazione dell'uva in produzione, fornendo una soluzione efficace per contrastare gli effetti dannosi del cambiamento climatico. Promuovendo lo sviluppo delle piante e agendo come antistress, questi miglioratori di resa consentono ai viticoltori di ottimizzare la salute delle loro viti migliorando al tempo stesso la qualità delle uve. Grazie alla loro azione mirata, i biostimolanti contribuiscono a rafforzare la resilienza dei vigneti di fronte a condizioni climatiche sempre più estreme.

D'altro canto, va notato che questo tipo di prodotto è piuttosto costoso e non è quindi accessibile a tutti i viticoltori. L'uso può anche avere un impatto sul prezzo del vino, che è un criterio essenziale da tenere in considerazione.

 

L'uso di biostimolanti nella vite si dimostra quotidiano, ma questi prodotti naturali saranno sufficienti per affrontare il riscaldamento globale? Occorre adottare altre misure e, se i biostimolanti restano promettenti per i viticoltori, non dovrebbero essere considerati la soluzione miracolosa per affrontare le difficoltà climatiche.

 

 

 


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni