raisin pour le vin rouge

Da quali uve si ottiene il vino rosso?

Tutti sanno che il vino si ottiene dall'uva, ma sono più rare le persone che conoscono perfettamente le diverse varietà di uva e il loro impatto sul vino. Incontriamo poi i vitigni, e più in particolare le uve utilizzate per produrre il vino rosso .

 

Vini rossi, vini bianchi, vini rosati: perché tante sfumature?

Se assumiamo che tutti i vini siano ottenuti da uve, come possiamo spiegare tale diversità di colore? Ciò è spiegato da diversi parametri.

  • Il vitigno, o vitigno: ogni vitigno ha il proprio colore della buccia, che necessariamente influenza il colore del vino. Ad esempio, Grenache Noir e Pinot Nero offrono vini rossi meno colorati rispetto al Cabernet Sauvignon o al Syrah;
  • Il terroir, e più in particolare il clima: in generale, più soleggiato è il vigneto, più scure saranno le uve, sia che si tratti di un vitigno a bacca bianca che di un vitigno a bacca rossa;
  • La tecnica di vinificazione: più lungo è il tempo di macerazione, e quindi il tempo di contatto tra il succo dell'uva e le bucce, più colorato sarà il vino;
  • Invecchiamento del vino: durante l'invecchiamento in tini o botti, il vino continua a colorarsi. L'imbottigliamento rapido produce poi vini più limpidi;
  • La qualità del vino: generalmente i vini ad alta resa perdono rapidamente i loro pigmenti, mentre un buon vino conserva la sua intensità cromatica per molti anni.

 

Come si fa il vino rosso?

Per comprendere meglio quali uve vengono utilizzate per produrre il vino rosso, è interessante conoscere la tecnica di vinificazione di questa tipologia di vino. Dopo la raccolta si susseguono diverse fasi:

  • diraspatrice e pigiatura, dove vengono rimossi i raspi (facoltativo) e gli acini vengono pigiati per estrarne il succo. Facendo scoppiare i raspi e la buccia dell'acino permettiamo ai tannini di liberarsi ed esprimersi intensamente;
  • macerazione pellicolare, dove il mosto e il succo d'uva vengono posti in tini e leggermente riscaldati. Durante questo processo avviene anche la fermentazione alcolica, dove gli zuccheri presenti nel vino vengono trasformati in alcol grazie ai lieviti. Infine salgono in superficie tutte le materie solide, chiamate vinacce. È durante la macerazione che i pigmenti coloranti contenuti nell'epidermide dell'acino colorano il succo dell'uva, fino a dare un liquido dal colore rosso più o meno intenso;
  • svinaturae pigiaturasono due tecniche per recuperare il succo. O lo raccogliamo dal fondo della vasca (drenaggio), oppure pressiamo il succo e le vinacce per recuperare il succo carico di tannini;
  • invecchiamento, dove il vino rosso viene posto in un tino o in una botte di rovere per alcune settimane, o anche più a lungo, per lasciare che i nuovi aromi si esprimano prima dell'imbottigliamento.

 

Fare il vino rosso: uva nera o uva bianca?

Sembra logico, dopo aver compreso la tecnica di vinificazione in rosso, utilizzare uve di colore rosso per produrre vini rossi. Infatti, serve assolutamente un'uva dalla buccia rossa, carica di pigmenti coloranti e tannini, per conferire tutte le caratteristiche visive e gustative dei vini rossi. Ma a volte è possibile utilizzare una piccola parte di uva bianca per produrre vino rosso.

D'altronde è impossibile ottenere vino rosso solo dai vitigni bianchi. Allo stesso modo che è impossibile ottenere vini bianchi con sole uve rosse.

 

Le uve utilizzate per produrre i vini del Castello di Berna

Nella tenuta di Berna, l'enologo Alexis Cornu sceglie di utilizzare uve nere provenienti da vitigni perfettamente adattati al clima mediterraneo. I nostri vini rossi sono quindi ottenuti da 6 principali vitigni rossi.

  • Syrah: uva rossa amante del sole, il Syrah esprime aromi di frutti rossi e neri, oltre a viola e spezie;
  • Grenache noir : offrendo un colore vinoso molto scuro, il Grenache regala anche aromi di mora, ciliegia, ribes nero e pepe bianco;
  • cinsault: apprezzato per la sua freschezza e finezza, il cinsault apporta aromi fruttati ai vini rossi, così come ai vini rosati;
  • Cabernet-Sauvignon: potente e dolce allo stesso tempo, questo vitigno a bacca nera molto tannico dona ai vini aromi di pepe verde, tabacco e ribes nero;
  • Il Carignan: offrendo vini generosi, corposi e colorati, il Carignan rivela note di piccoli frutti rossi e neri (lampone, ciliegia, prugna secca);
  • Mourvedre: i vini rossi ottenuti da Mourvèdre sono corposi e tannici, con aromi di mora e viola, che evolvono con l'invecchiamento verso note più speziate di pepe e cannella:
  • tibouren: questo vitigno provenzale, coltivato solo nel Var, produce vini eleganti e delicati. Sebbene sia utilizzato principalmente per vini rosati, permette anche di produrre vini rossi assemblati, ricchi di profumi e fini al palato.

 

Gli altri principali vitigni dei vini rossi

Naturalmente, Château de Berne produce i suoi vini da vitigni che prosperano particolarmente sotto il sole della Provenza. Ma i viticoltori delle aziende vinicole francesi utilizzano anche altre varietà di uve nere, le principali sono Pinot Nero, Cabernet Franc, Malbec, Gamay, Merlot e Sangiovese.

 

Il colore dei vini non è frutto del caso, bensì il risultato di una scelta scrupolosa da parte dell'enologo. Ora conosci tutti i vitigni utilizzati per produrre il vino rosso. Tempo di degustazione per scoprire le particolarità di ognuno.

 

 


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni