Tout savoir sur le vin américain

Tutto quello che devi sapere sul vino americano

Se la Francia è conosciuta nel mondo per la produzione dei migliori vini del mondo, gli Stati Uniti non sono da meno, e producono ogni anno alcuni tra i migliori vini bianchi e rossi. Scopriamo come si distingue questo Paese dagli stati così diversi nel mondo del vino e quali sono le caratteristiche Vino americano.

 

La storia del vino americano

IL origini del vino americano ha avuto origine nel XVII secolo, quando i primi coloni europei utilizzarono i vitigni autoctoni per produrre vino. Siamo ancora lontani dallo stile di vinificazione europeo, e i primi vitigni europei furono introdotti nelle terre americane solo nel XVIII secolo, con l'obiettivo di produrre vino da chiesa.

Per tutto il XIX secolo, Viticoltori californiani stanno lavorando per migliorare la qualità dei loro vini, prima che la crisi della fillossera metta fine a tutta l'attività vinicola nei vigneti californiani.

Ma, come in Francia e in Europa, i viticoltori americani non si arresero e, dopo un lavoro titanico e la scoperta del portainnesto, la California ricominciò a produrre vini di qualità.

IL regione vinicola della costa occidentale degli Stati Uniti da allora ha continuato a progredire, rendendo il paese il 4° postoth produttore mondiale, e la California il 1È Fornitore di vino americano (90%).

 

Quali sono i diversi vini prodotti negli Stati Uniti?

Possiamo classificare il Vini americani in due categorie. Da un lato abbiamo il vini prodotti da vitigni francesi. I vitigni a bacca nera più utilizzati per la produzione del vino rosso e del vino rosato sono il merlot, il cabernet sauvignon e il pinot nero. Per quanto riguarda le varietà di uve bianche, i viticoltori americani utilizzano principalmente Chardonnay e Sauvignon Blanc.

Ma praticano anche la tecnica della miscelazione, per produrre un vitigno separato, come ad esempio Miscela bordolese, che è un blend di Merlot e Cabernet. Molto famosi negli anni '70, questi vini hanno vinto numerose medaglie in concorsi di degustazione alla cieca in Francia, superando anche i grandi vini di Bordeaux o della Borgogna.

 

D'altro canto abbiamo vini prodotti interamente sul suolo americano. L'enologo poi utilizza vitigni ibridi, una sapiente miscela di vitigni europei e vitigni americani. Questa produzione, più riservata, produce vini rossi con aromi molto particolari di cuoio e volpe che gli hanno valso il nome vino volgare.

 

Quali sono le diverse regioni vinicole negli Stati Uniti?

Negli Stati Uniti, il sistema diDenominazione del vino americano poggia su Area viticola americana (AVA). Può rappresentare un intero stato, una contea o anche un'area più piccola.

Così, tra gli stati americani produttori di vino, riconosciamo:

  • IL California è il più grande stato produttore di vino del paese, ma anche il più antico del Nuovo Mondo. Il suo terroir è ideale per la coltivazione della vite;
  • L'Oregon si trova nel nord della California, ed ha un clima più fresco;
  • Lo stato di Washington si trova alle stesse latitudini della Borgogna o di Bordeaux. Offre più sole della California, ma le temperature sono più fresche.

Poi, tra le piccole regioni vinicole più riconosciute degli Stati Uniti, riconosciamo:

  • IL Napa Valley, conosciuta nel mondo per la sua fitta regione vinicola, composta da più di 500 aziende vinicole;
  • IL Valle di Sonoma, con 300 cantine, meno conosciute della Napa Valley, ma che producono vini altrettanto di alta qualità.

 

Quali sono i vitigni più coltivati ​​negli Stati Uniti?

L'abbiamo visto, il Vitigni europei sono ampiamente utilizzati negli Stati Uniti e la loro distribuzione dipende dai terroir.

In California troviamo principalmente Cabernet Sauvignon, Merlot e Zinfandel. Non molto tempo fa, anche il Cabernet Franc e il Syrah sono comparsi nei vigneti della California.

Nella Napa Valley e nella Sonoma Valley troviamo soprattutto Chenin Blanc, Colombard e Carignan. Ma vengono coltivati ​​altri vitigni meno conosciuti in Francia, come il Thompson Seedless (o sultanine), il cabernet rubino o anche la barbera.

Finalmente, vitigni secondari si coltivano anche vitigni come il Pinot Nero, il Mondeuse, il Marsanne o il Viognier.

 

Vino americano e vino francese: quali sono le differenze?

Sebbene i terreni americani non siano ricchi come i terroir francesi, i viticoltori americani hanno comunque investito molto rapidamente in attrezzature per la viticoltura ad alta tecnologia. Così gli americani compensano le debolezze dei suoli con la sofisticazione delle attrezzature.

La vinificazione è quindi quasi nel regno della scienza. Così, se le fasi della raccolta e dell'immissione nei tini sono molto simili a quelle effettuate in Francia, il tecnica di vinificazione è molto diverso.

In effetti, ilricorso al microbullismo è molto diffuso oltre Atlantico, a differenza che in Europa, dove, anche se la tecnica è autorizzata, la pratica non è diffusa. Le microbolle permettono di ossigenare il vino mediante l'immissione di aria nella vasca, per arrotondare i tannini.

IL trucioli vengono utilizzati anche in proporzioni molto maggiori che in Francia, il che conferisce aromi legnosi, senza passare attraverso la fermentazione in botti di rovere.

 

Perché parliamo di vitigno e non di denominazione?

In Francia, designiamo i vini in base alla regione vinicola di produzione. Ciò designa implicitamente sia un terroir che vitigni provenienti da un'area geografica ben delimitata.

Negli Stati Uniti, i vigneti sono molto meno diversificati e i viticoltori hanno mantenuto l’abitudine classificare i propri vini per vitigno. Bisogna riconoscere che questo facilita la scelta, e permette una più facile comprensione delle diverse bottiglie di vino.

 

Quali sono i grandi vini d'America?

Ogni anno, i produttori di vino americani producono quelli che vengono chiamati vini pregiati, in altre parole, grandi vini. Le specifiche sono ancora più rigorose di quelle delle denominazioni francesi, e riguardano la tecnica di vinificazione, la resa, la modernità del tino... Alcune di queste grandi bottiglie vengono poi vendute a più di 50 dollari l'una.

Tra i più ottimi vini americani, riconosciamo il famoso Caymus (cabernet sauvignon), Columbia Crest (merlot), Kistler (chardonnay), o anche Kendall-Jackson (chardonnay).

 

Quali abbinamenti cibo-vino americani?

Il vantaggio del vino americano è che porta con sé un po' di Francia, con questi vitigni francesi. È quindi possibile abbinare il vino americano alla cucina francese, o per servire un vino americano con la cucina tipica americana, come il tacchino del Ringraziamento o la cheesecake di New York.

In Francia puoi servire un vino americano a seconda del vitigno:

  • Uno chardonnay americano a carni bianche;
  • Un Cabernet Sauvignon americano con manzo;
  • Un Merlot americano con polpettone…

 

Consumo di vino negli USA

A lungo evitato dagli americani, il vino sta oggi vivendo una crescita significativa. Là i consumi sono quindi raddoppiati in 40 anni, e ha raggiunto, nel 2020, 12,2 litri di vino all’anno e per abitante. Gli Stati Uniti rimangono ovviamente molto indietro rispetto ai principali paesi consumatori di vino al mondo (Francia, Italia, Spagna), ma hanno comunque consumato più di 3,30 miliardi di litri di vino nel 2020!

 

Ti piace degustare vini stranieri e confrontarli con quelli francesi? IL Vini americani potrebbero sorprenderti con la loro qualità e quel qualcosa che ci ricorda la Francia.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni