Qu'est-ce qu'un vin d'assemblage ?

Cos'è un vino miscelato?

Molte persone non iniziate al mondo del vino potrebbero pensare che una bottiglia di vino provenga da un’unica varietà di uva. In effetti, i vini monovitigno sono molto meno comuni dei vini assemblati, perché la miscelazione di diversi vitigni consente di riunire tutte le loro qualità per produrre vini migliori. Scopriamo nel dettaglio il vino miscelato.

 

I vantaggi dell'assemblaggio

In enologia, l'assemblaggio di vitigni viene utilizzato per produrre vini di migliore qualità, più completi e più ricchi. Infatti, trovando la migliore miscela di vitigni complementari, è possibile ottenere vini di qualità, sfruttando i vantaggi di ciascuno e bilanciando i loro eventuali difetti (acidità, amarezza, ecc.).

Per comprendere l'interesse dei blend, è necessario comprendere che ogni vitigno ha le proprie caratteristiche di gusto e aroma, ma anche una tipicità unica. In Francia vengono utilizzate più di 200 varietà di uva per produrre vino. Alcuni sono particolarmente complementari, e riescono, insieme, a produrre vini molto attraenti.

L'assemblaggio permette inoltre di ritrovare la stessa tipicità di un vinoda un anno all'altro. Così, a seconda della vendemmia, i blend offrono la possibilità di trascrivere al meglio il carattere che fa la fama di un vino. Ciò permette al consumatore di riscoprire le qualità che ha amato negli anni, ma anche di adattarsi ai gusti di diversi profili di enoappassionati.

 

Le diverse opzioni di assemblaggio

Per consentire agli enologi di avvicinarsi il più possibile al vino che desiderano produrre, sono possibili diverse tecniche di assemblaggio.

Il blend di vitigni

Come abbiamo visto sopra, l'assemblaggio di diversi vitigniè la tecnica più utilizzata. Si tratta di mescolare diversi vitigni diversi e si ispira alla tecnica del compplantation. Inizialmente i viticoltori piantavano diverse varietà di uva sullo stesso appezzamento, per poi vendemmiarle e vinificarle insieme. Oggi i vitigni vengono coltivati ​​su appezzamenti diversi, per poi essere riuniti durante la vinificazione, dopo la vendemmia.

L'assemblaggio di vitigniè particolarmente utilizzato nella regione vinicola Languedoc-Roussillon, ma anche a Bordeaux.

L'assemblaggio delle annate

Quest'altra tecnica di assemblaggio, chiamata assemblage of vintages, consiste nel riunire varietà di uva provenienti dallo stesso appezzamento, ma il cui anno di raccolta è diverso. In questo caso l'enologo non ha il diritto di menzionare l'annata sull'etichetta della bottiglia di vino.

L'assemblaggio delle annate è particolarmente utilizzato per produrre vini Champagne, questo è anche uno dei criteri che conferisce loro reputazione e fama.

L'assemblaggio delle trame

L'ultima tecnica è l'assemblaggio di appezzamenti, o assemblaggio di terroir. In questo caso il vino assemblato è composto da un unico vitigno, proveniente dallo stesso appezzamento. D'altro canto il vitigno si esprime diversamente a seconda dell'orientamento, del tipo di terreno e dell'età delle viti. Praticato principalmente in Borgogna e nella Loira, l'assemblaggio di terroir produce vini monovarietali.

 

Le due tecniche di assemblaggio del vino

Nel mondo del vino e della miscelazione del vino, due mondi si oppongono: coloro che allevano insieme i loro diversi vitigni e realizzano il matrimonio dal momento in cui vengono messi nei tini, e chi vinifica i vitigni separatamente, prima di assemblarli durante l'imbottigliamento.

Ognuna delle due tecniche ha i suoi vantaggi. Il primo consente di mescolare fin dall'inizio le qualità di ciascun vitigno per trovare un equilibrio perfetto. Il secondo metodo permette di gestire meglio le proporzioni di ciascun vitigno, ma anche di realizzare più annate diverse.

 

I principali vini assemblati di Francia

Non tutte le regioni vinicole coltivano gli stessi vitigni. Dipende essenzialmente dal clima, ma anche dal terroir, più in generale. Logicamente, le possibilità di montaggio sono quindi diverse da una regione all'altra.

Vini assemblati della Borgogna

Ivini di Borgogna sono principalmente ottenuti da monovitigni, con Chardonnay per i vini bianchi e Pinot Nero per i vini rossi. Ma troviamo ancora alcuni assemblaggi tipici, in particolare sui Coteaux Bourguignons, dove il matrimonio tra pinot nero e gamay, e il il matrimonio di Aligoté e Sauvignon Blanc, permette di creare vini eccellenti.

Vini assemblati bordolesi

La regione vinicola di Bordeaux si è affermata come maestra nell'arte della miscelazione. I 3 vitigni più utilizzati sono quindi merlot, cabernet sauvignon e cabernet franc. I Cabernet, piuttosto tannici, conferiscono potenza ai vini, mentre il Merlot apporta maggiore morbidezza e voluttà.

Vini assemblati della Valle del Rodano

Il vitigno più importante della valle del Rodano è senza dubbio il syrah. Ma è spesso accompagnato anche da grenache noir, cinsault, mourvèdre e carignan, per produrre ottimi vini rossi. Per quanto riguarda i vini bianchi, i viticoltori mescolano volentieri Roussanne e Marsanne, ma anche Clairette, grenache blanc e viognier. Per la grande gioia dei viticoltori, la miscela di vitigni con caratteristiche complementari sarà il piccolo extra che darà vita al grande vino per una perfetta annata finale.

Vini assemblati della Valle della Loira

La Valle della Loira produce spesso vini ottenuti da un unico vitigno, ma sono comuni anche alcuni assemblaggi. Gli enologi utilizzano quindi Cabernet Franc e Pinot Nero per il vino rosso, e melone di Borgogna, Chenin Blanc e Folle Blancheper il vino bianco.

 

I vini assemblati sono il risultato di una tecnica di vinificazione che permette di sublimare i diversi vitigni. Infatti, l'assemblaggio tiene conto di diversi fattori, tra cui l'esposizione al sole, la natura del terreno, le condizioni climatiche, ecc. Scopri i vini assemblati della tenuta di Berna e beneficia di tutta la ricchezza dei diversi vitigni della Provenza.

 

 


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni