d'où provient la couleur du vin rosé

Da dove viene il colore del vino rosato?

Spesso confrontiamo il colore del vino rosso con l'uva rossa e il colore del vino bianco con l'uva bianca. Ma che dire del vino rosato? Toglietevi dalla mente che si tratti della sapiente miscela di vino rosso e vino bianco, perché la sua lavorazione è molto più complessa di così, e il colore del vino rosato nasconde molti segreti.

 

L'origine del colore rosato del vino rosato

Il colore dei vini rosati deriva semplicemente dai pigmenti rossi contenuti nella buccia delle uve nere utilizzate per la vinificazione. L'intensità del colore, invece, che varia da una bottiglia all'altra, dipende principalmente dal metodo di lavorazione fare vino rosato.

Vino rosato leggero: vino rosato a spremitura diretta

Quanto più la buccia dell'uva nera è a contatto con il mosto, tanto più intenso diventa il colore. La tecnica di vinificazione tramite pressatura diretta è allora il metodo che permette di ottenere a vino rosato leggero, perché i pigmenti dell'uva hanno pochissimo tempo per permeare il succo dell'uva.

L'uva, infatti, viene immediatamente pigiata, senza alcuna fase di macerazione. E sebbene la pressatura sia lenta, non è sufficiente a colorare intensamente il mosto.

IL vini rosati a spremitura diretta sono quindi molto netti, freschi e fruttati, e vanno bevuti giovani.

Vino rosato scuro: un vino rosato da saignée

Al contrario, la saignée è un metodo utilizzato dai viticoltori per produrre vino rosato che consente loro di ottenere vini rosati molto colorati. Consiste nel prelevare il mosto da un tino di macerazione destinato alla vinificazione in rosso prima della fine della fermentazione. Così, poche ore dopo l'immissione nel serbatoio, il vino sanguinante viene prelevato, poi ammorbidito dalla fermentazione malolattica, per dare un vino rosato dal colore più intenso e dal carattere più tannico rispetto alla pressatura diretta.

 

La tavolozza dei colori dei vini rosati

Il vino rosato, a seconda della tecnica di lavorazione, può assumere una moltitudine di sfumature di colore, dal più pallido al più intenso (come il Bordeaux Clairet). Alcuni enologi affermano di avere più di 140 sfumature. Allora abbiamo colori rosa che riguardano diversi elementi:

  • Frutta (lampone, ciliegia, melone, litchi, albicocca, ecc.);
  • Alberi (prunus);
  • Fiori (peonia, petalo di rosa, occhio di pernice, ecc.);
  • Gli animali (salmone)…

Ma troviamo anche altri colori, più originali, come la buccia di cipolla.

 

Vino rosato chiaro: la grande tendenza

Una decina di anni fa, la maggior parte dei vini rosati aveva un colore molto più intenso di quello odierno. Con il passare del tempo i rosati diventano sempre più leggeri e i viticoltori utilizzano sempre più la tecnica della pressatura diretta, per soddisfare le richieste dei consumatori, che associano la qualità del vino alla qualità del vino. pallore del suo vestito.

IL vini rosati della Provenza poi si distinguono, grazie al loro colore paglierino, alla loro freschezza e ai loro aromi fruttati.

 

Buono a sapersi: mentre la maggior parte dei vini rosati sono ottenuti da vitigni neri, alcune denominazioni si fondono vitigni bianchi e neri vinificati insieme.

 

Il colore di un vino rosato: indicatore di prima scelta

Se la bottiglia di vino è trasparente è per dare all'acquirente la possibilità di valutarla colore rosa del vestito, perché può dire molto sulle caratteristiche del vino rosato.

Determinare l'età del vino in base al suo colore

In generale, il vino rosso assume sfumature granate con l'invecchiamento, mentre il vino bianco scurisce con il tempo. Se il colore del vino è quindi un buon indicatore per valutare l'età di un vino rosso o bianco, lo stesso vale per il vino rosato. Un vino rosato intenso indica un buon potenziale di invecchiamento, mentre a vino rosato leggero è un vino da bere giovane.

Conoscere l'origine del vino in base al suo colore

Sebbene questa regola non sia universale, spesso possiamo determinare l'origine geografica del vigneto in base al colore del vino rosato. Sono piuttosto il terroir e il vitigno utilizzato a guidarci verso il regione vinicola di un rosato. Quindi spesso va bene un rosato del sud-ovest rosa intenso e fruttato, mentre il vino rosato della Provenza ha un colore piuttosto pallido, con aromi di fiori e frutti.

Valutare il gusto di un vino rosato in base al suo colore

Molto spesso, a vino rosato tenue ha un'acidità più elevata di un rosato colorato. Allo stesso modo risulterà meno grasso, meno dolce e meno tannico. Tante caratteristiche che si spiegano soprattutto con la specificità dei vitigni utilizzati.

 

Fedele alle tradizioni enologiche provenzali, la tenuta bernese produce un vino rosato provenzale dal colore piuttosto pallido e dai sapori dolci e fruttati. Scopri il terroir venendo a degustare uno dei nostri eccezionali vini della Provenza.

La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni