Les différences entre IGP et AOC

Le differenze tra IGP e AOC

Quando si sceglie un vino, siamo tentati di optare per un vino IGP o un vino AOC. Queste etichette vengono spesso paragonate a vini di qualità. Ma conosci davvero le differenze tra IGP e AOC?

 

Cosa significa IGP?

Un'Indicazione Geografica Protetta (IGP), come suggerisce il nome, si riferisce alle caratteristiche di un vino direttamente legate alla zona geografica della sua produzione e lavorazione. Questa etichetta riguarda molti prodotti alimentari, come carne, frutta o verdura. Per quanto riguarda il vino, in Francia sono 75 i vini IGP.

Un vino con indicazione geografica protetta deve soddisfare specifiche rigorose, anche se è più leggero di quello di una denominazione d'origine controllata (AOC). I viticoltori sono poi liberi di scegliere vitigni e tecniche di coltivazione, ma devono, tra le altre cose, prestare attenzione alla gradazione alcolica, ovvero alla resa massima per ettaro.

I vini IGP sono particolarmente apprezzati, perché molti produttori sono specializzati in vini varietali. Questi vini, prodotti da un unico vitigno, regalano aromi molto particolari.

 

Cosa significa AOC?

La Denominazione d'Origine Contrôlée (AOC) esiste dagli anni '30 ed è stata creata per regolamentare in qualche modo la viticoltura. Un vino che porta l'etichetta AOC designa un prodotto che ha soddisfatto specifiche molto rigorose. La produzione del vino deve poi rispettare diverse fasi di produzione e tecniche di vinificazione, effettuate secondo un know-how riconosciuto. Il vino deve inoltre provenire da una zona geografica specifica, che gli conferisce tutte le sue particolarità.

Ottenere il marchio AOC è molto più complesso rispetto a quello IGP, a patto che il disciplinare sia rigoroso. I criteri riguardano la resa massima, le zone di produzione, il vitigno o la tecnica di vinificazione.

L'obiettivo dell'AOC è onorare il terroir (suolo, clima) e la tradizione. Garantisce un vino originale, non riproducibile, che trae tutte le sue qualità dal luogo di vendemmia.

 

IGP e AOC: cosa ricordare?

L'IGP, implementata nel 1992 per i prodotti alimentari, e nel 2009 per i vini locali, ha specifiche più flessibili rispetto all'AOC. Da ciò però non si deve concludere che un vino IGP sia meno buono di un vino AOC. La denominazione non garantirà mai il gusto e la qualità di un vino, e sono il vitigno, le tecniche di vinificazione e il terroir a determinare la qualità di un vino, sia IGP che AOC. Per scoprire quale vino vi affascina di più, l'etichetta sarà una garanzia di qualità, ma niente è meglio di una degustazione per farsi un'idea.

 

Ti piacerebbe scoprire un vino rosato etichettato, garanzia di un prodotto locale? La tenuta di Berna vi invita a degustare l'Esprit Méditerranée, un vino rosato IGP Méditerranée che vi condurrà in un viaggio nel cuore della Provenza.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni