Le rosé et l'art de l'assemblage

Il rosé e l'arte della miscelazione

Per raggiungere il perfetto equilibrio tra aromi, livelli di zucchero e persino acidità, l'assemblaggio del vino rosato è essenziale. Questa tecnica perfezionata è il risultato di un'attenzione particolare allo Château de Berne, dove gli enologi sono diventati, nel tempo, veri esperti nell'assemblaggio di rosati della Provenza.

 

L'arte dell'assemblaggio: creare un rosato eccezionale

I deliziosi rosati che piace sorseggiare a bordo piscina, come aperitivo o con della buona carne alla brace non sono frutto del caso. I viticoltori hanno padroneggiato l'arte della miscelazioneper creare rosé eccezionali.

Il vino rosato è un capolavoro derivante dalla sottile miscela delle migliori uve, provenienti da vecchi vigneti dei migliori terroir. Attraverso meticolosi metodi di produzione, ogni annata di prestigio rivela una combinazione unica di struttura e aromi gourmet. Note di delicati agrumi e frutta si fondono armoniosamente con sfumature di pesca di vite, creando una tavolozza sensoriale accattivante. Questi rosati assemblati, con note leggere e il colore rosa desiderato, sono dei veri preferiti dagli amanti del vino, rivelando tutta la complessità e l'eleganza del loro processo di produzione.

Definizione di assemblaggio del vino

Nel mondo del vino, il blending consiste nel riunire due vini della stessa annata in un unico tino. Il vitigno poi è diverso e le uve non provengono dagli stessi appezzamenti di vigneto. L'obiettivo è quello di unire le caratteristiche di ogni tino per trovare un equilibrio perfetto e unire le rispettive qualità per produrre un buon vino. Interessante anche l'assemblaggio per riuscire a mantenere una certa costanza nella qualità dei vini da un anno all'altro.

Il ruolo dell'enologo è quello di trovare vini complementari che costituiranno un buon matrimonio, ma anche i giusti dosaggi.

Le annate vengono poi poste in tini separati per tutta la durata della fermentazione alcolica, e solo successivamente vengono riunite.

 

Un caso a parte: l'assemblaggio degli champagne è diverso da quello dei vini fermi, perché lo champagne è l'unico vino che può assemblare annate di annate diverse.

 

L'assemblea vista dagli esperti al Castello di Berna

La regione vinicola della Provenza ha il vantaggio di beneficiare di un terroir vario, con due gruppi geologici ben distinti. Ognuno di loro ha qualità uniche, che è piacevole poter associare alle qualità dell'altro. È così che l'enologo del Château de Berne lavora sull'arte della miscelazione, per garantire la produzione di vino dalla tipicità incomparabile. Insieme all'enologo seleziona gli appezzamenti da assemblare, definisce la durata della macerazione e seleziona il tipo di tino, per produrre un vino rosato gastronomico.

Il vino rosato è la sottile espressione di un equilibrio tra vivacità e struttura, attingendo da terroir prestigiosi per offrire una tavolozza di aromi gourmet. Ogni annata, frutto di un'attenta vinificazione in tini, rivela un'elegante freschezza e una bella struttura, grazie ad attenti metodi di produzione. L'assemblaggio, vitigno per vitigno, delle migliori uve nere e succo d'uva, dà origine a rosati eccezionali, con delicate note di agrumi, frutta e fiori. Frutto del metodo dei nostri esperti del castello, questi rosati assemblati rivelano un colore salmone e aromi caratteristici, veri e propri favoriti degli amanti del vino.

La precisa selezione dei vitigni da assemblare

L'intera arte dell'assemblaggio risiede in gran parte nella scelta dei vitigni da assemblare. Per il vino rosato, i viticoltori possono scegliere tra diversi vitigni a bacca nera e alcuni vitigni a bacca bianca, sempre in minoranza o addirittura assenti.

Il vitigno determinerà l'intensità del colore del rosato, ma anche i suoi aromi e le sue qualità in bocca. Per ottenere un bel colore rosato, vengono scelti 4 principali vitigni a bacca rossa da produrre in rosato:

  • Grenache noir, dagli aromi fruttati e potenti;
  • Cinsault, dalle note floreali e aromatiche;
  • Pinot nero, dai profumi di delicati frutti rossi;
  • Sangiovese, con note speziate.

 

Nella tenuta di Berna, i viticoltori scelgono di coltivare altre uve nere per vinificare il vino rosato:

  • Merlot, dalle note fruttate e fresche;
  • Syrah, dai potenti aromi di piccoli frutti neri e rossi;
  • Carignan, con note di frutti rossi e neri più leggeri;
  • Cabernet Sauvignon, con note fresche di pepe verde.

 

Per quanto riguarda le uve bianche, Château de Berne produce vino assemblato con vermentino, vitigno elegante e pallido, apprezzato per la sua freschezza.

 

Il processo di assemblaggio del vino rosato

Per produrre vino rosato miscelato, l'enologo segue gli stessi passaggi di un vino monovarietale. Tuttavia, l'assemblaggio avviene in un momento cruciale del processo di vinificazione.

La vendemmia

Come per tutti i vini, tutto inizia con la vendemmia. Il viticoltore deve quindi essere vigile, per assicurarsi di definire il momento migliore per raccogliere i grappoli d'uva. L'obiettivo è poi attendere che le uve raggiungano la perfetta maturazione, affinché abbiano il miglior impatto sul profilo del vino.

Poi, la raccolta deve essere meticolosa, con raccolta manuale o meccanica, di giorno o di notte.

Vinificazione separata

Una volta arrivate in cantina, le uve di ciascun vitigno vengono vinificate separatamente, in modo che ciascuna preservi le sue qualità uniche. È solo dopo la fermentazione alcolica, la macerazione sulle bucce e la fermentazione malolattica che le due annate vengono assemblate, per la fase finale: l'invecchiamento.

Degustazione e aggiustamenti

Prima dell'imbottigliamento è fondamentale la fase di degustazione. È in questo preciso momento che l'enologo potrà apportare le ultime modifiche, al fine di ottenere un vino rosato perfetto.

 

Il ruolo cruciale dell'enologo nell'assemblaggio dei vini rosati

L'enologo è coinvolto durante tutto il processo di vinificazione e si assicura di fornire la migliore consulenza a viticoltori e viticoltori. A lui poi spetta il compito di definire la data della vendemmia, ma anche di scegliere i vitigni e i trattamenti, oppure di controllare ogni fase della vinificazione e il tempo di macerazione. Nella tenuta di Berna, il lavoro meticoloso dell'enologo Alexis Cornu permette di ottenere rosati assemblati di alta qualità .

Così, la Grande Cuvée dello Château de Berne , AOP Côtes de Provence, è una gustosa miscela di Syrah, Cinsault e Grenache Noir. Offre deliziosi aromi fruttati intensi e una bella freschezza al palato.

Anche la cuvée Impatience, in AOC Côtes de Provence, riflette il prestigioso lavoro dell'enologo. La miscela di Grenache Noir, Cinsault, Syrah e Carignan è così precisa che godiamo di un vino biologico rotondo con note di frutta esotica.

Infine, la cuvée Grande Récolte del Domaine de Berne, sempre nella AOP Côtes de Provence, è un blend degli stessi vitigni della cuvée Impatience, ma con dosaggi diversi. Si comprende allora la finezza del lavoro del professionista, che ottiene, con gli stessi vitigni e una diversa proporzione di vino, un vino rosato più vivace ed espressivo.

 

Sei curioso dell'arte dell'assemblaggio e vorresti saperne di più? Venite a scoprire tutto il know-how dell'enologo bernese partecipando a un laboratorio di degustazione di vini miscelati nella nostra cantina provenzale.

 

 


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni