La route des vins de l’Île-de-France

La strada del vino dell'Île-de-France

Cominciamo con un po' di storia: fino al XVIII secolo, L'isola della Francia riparato il vigneto più grande in tutto il paese, coprendo circa 42.000 ettari e circa 300 comuni. 

E per una buona ragione, con mezzi e linee di comunicazione limitati, occorreva una soluzione per far bere vino alla corte dei re di Francia. 

Fin dal IV secolo la produzione del vino era destinata principalmente alla corte e all'esportazione. Eppure, fu il corso della storia ad avere la meglio su questo vigneto, che finì per scomparire negli anni ’50. 

Oggi, ci sono solo un centinaio di viti alte più di 100 piedi rimaste nel patrimonio vitivinicolo dellaIsola-de-France e la maggior parte di essi non hanno più una vocazione economica, ma sono semplicemente legati ad attività turistiche, educative o anche culturali.


Visita ai vigneti di Parigi. 

 

La capitale ospita il vigneto più noto e folcloristico, quello della Commanderie. Produce Clos Montmartre sul fianco settentrionale dell'omonima collinetta, situata nel 18° arrondissement. La sua produzione è certamente molto limitata, ma pur sempre molto emblematica. Nel 2009 rappresentava solo 1003 bottiglie. Ogni anno vi viene organizzata una festa della vendemmia a Montmartre e un'asta del vino prodotto.


Un altro luogo vitivinicolo da scoprire nel cuore di Parigi, il Jardin des Plantes e i suoi circa duecentoquarantasette vitigni con un sorprendente mix di vitigni, una grande scoperta da fare, ma anche da degustare. 


Altra sorprendente scoperta, tra le torri di La Défense, si trova il Clos de Chantecoq, un vigneto di settecento viti coltivate su soli dieci ettari con varietà di chardonnay e pinot nero. Non è commercializzato, ma si può degustare.


In rue de Reuilly, 12° arrondissement di Parigi, si trova, dietro l'ingresso carraio che nasconde l'accesso, un vigneto originale: Clos Reuilly. I suoi tre immensi pergolati, piantati tra il 1954 e il 1957, coronano il piccolo vicolo cieco lastricato. Anticamente esisteva un convento dove le badesse madri avevano, come in tutte le abbazie, il loro orto e la loro vigna. Reuilly è quindi davvero un distretto con una tradizione vitivinicola. Oggi la vite qui è un piacere divertente, quello di imparare a fare il vino, ma anche fonte di convivialità, soprattutto in occasione della festa della vendemmia alla quale partecipano gli abitanti della contrada. 

Finché sei a Parigi, non puoi concludere la tua visita senza visitare il famoso Museo del Vino, nel 16° arrondissement, situato in rue des Eaux, 5 Square Charles Dickens. 

 

Itinerario del vino intorno a Parigi.


Troverete, tra i pochi vigneti della strada del vinoIsola-de-France e scoprire alla periferia della capitale, i vigneti del parco dipartimentale Sausset a Villepinte, ma anche il Clos Passemay, situato in una zona residenziale ai piedi del paese di Val d’Argent ad Argenteuil e il Clos du Pas Saint-Maurice, situato sul Mont Valérien ed esposto a sud, a Suresnes. 


Piantato nel parco di uno dei gioielli dell'architettura francese, a Versailles, proprio accanto al Trianon, scopri i venti acri di vigneto piantati nel 2003 a Merlot e Cabernet Sauvignon. 


La tenuta Bérrurier a Conflans St Honorine, negli Yvelines, e le sue circa 1.600 viti coltivate a Gamay e Pinot Nero su 40 acri. 


A Rosny-sous-Bois, a Seine-Saint-Denis, sulle alture della città, nel parco Jean Decesari, E questo, da più di vent'anni una confraternita coltiva 20 ettari di vigneto, una tradizione che risale al Medioevo e dove la produzione, seppur modesta per quei tempi, riforniva Parigi. 


All'epoca proprietà dell'Abbazia di Sainte-Geneviève e dei suoi signori religiosi, forniva comunque da vivere a più della metà della popolazione. 


Lo Chasselas di Thomery, nella Senna e Marna, chiamato anche Chasselas doré de Fontainebleau, è un vitigno Chasselas coltivato in modo tradizionale e ornamentale e che ha avuto i suoi tempi di gloria tra le due guerre, nel villaggio di Thomery nella Senna e Marna. Quest'uva da tavola, molto vicina a Chasselas de Moissac, è prodotta e conservata con metodi locali tradizionali e unici dal 1730 e merita di essere menzionata per le sue tecniche di viticoltura a spallierasui muri, e ottimizzazione della maturazione dei frutti mediante una potatura molto particolare della vite detta cordone speronato di Charmeux, d' secondo Baptiste Rose Charmeux, orticoltore a Thomery nel XIX secolo.

La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni