L’importation de vins étrangers en France

Importazione di vini stranieri in Francia

Se la Francia è un riferimento mondiale nel mercato del vino , e produce abbastanza per soddisfare il consumo francese, agli amanti del vino piace scoprire anche i vini stranieri. Impariamo un po' di piùimportazione di vini stranieri in Francia.

 

Francia, grande nome dell'enologia mondiale

Dalla fine del Medioevo, e fino al XIX secolo, il Regioni vinicole francesi si stanno progressivamente affermando come riferimenti dell'enologia in tutto il mondo. Il loro successo può essere spiegato dalla loro primissima capacità di farlo produrre vino di qualità in grandi quantità, e su base regolare. Questa regolarità permette loro poi di perfezionare la propria tecnica di vinificazione di anno in anno e di aumentare ulteriormente la propria reputazione.

Fin dall'antichità, la Francia si è affermata come la più grande produttore di vino al mondo (in volume di vino), e nel Medioevo iniziarono l'esportazione di vini e il commercio di vini all'estero, verso paesi che non padroneggiavano, o non ancora, la viticoltura.

Oggi la Francia ha un tale grado di padronanza della produzione del vino che gli stranieri ne sono sedotti. Inoltre, è in Francia che troviamo una così ampia varietà di vitigni e di terroir diversi, che permette di produrre vini rossi, vini bianchi e vini rosati molto vari, per piacere a quante più persone possibile.

 

Cultura del vino all'estero

Nel mondo si coltivano non meno di 6,8 milioni di ettari di viti e si producono 820 litri di vino al secondo. Se la Francia è un riferimento indiscutibile, altri paesi si distinguono per produrre vino di qualità in quantità. D’altro canto, non sempre i vigneti più grandi del mondo sono i maggiori produttori di vino. Scopriamo alcuni numeri.

Spagna

Con quasi 970.000 ettari di vigneti, la Spagna è senza dubbio il paese con il la più vasta superficie vitata. Il paese è al 3° postoth classifica mondiale dei produttori, e conta 14 regioni vinicole, più di 60 denominazioni di origine e 1250 vitigni.

La Cina

Il secondo vigneto più grande del mondo con 875.000 ettari vitati, la Cina non utilizza tutti questi vigneti per la produzione di vino, e una buona parte è destinata all'uva da tavola.

Italia

Anche se non possiede la maggiore superficie vitata (700.000 ettari), il paese è comunque il più grande produttore di vino al mondo (60 milioni di ettolitri all'anno). L'Italia coltiva la vite fin dall'Antichità e ad essa dobbiamo lo sviluppo della vite in Europa.

Tacchino 

La storia ha fortemente influenzato la produzione di uva in Turchia, ma oggi è la quintath vigneto più grande del mondo (480.000 ettari). D'altro canto, i suoi terroir non sono rinomati per i grandi vini, poiché il 97% della produzione è destinata all'uva da tavola.

stati Uniti 

La vite fu importata tardi nel Nuovo Mondo, e il primi vigneti negli Stati Uniti si sviluppò solo nel XVI secolo. Il 90% dei 440.000 ettari vitati sono poi distribuiti in California, regione vocata alla viticoltura. Utilizzando principalmente vitigni provenienti dalla Francia e dall'Europa, i vini degli Stati Uniti si affermano e i viticoltori sanno offrire vini di qualità.

L'Argentino

Esteso su 2.000 chilometri e 220.000 ettari, il Vigneto argentino è il più alto del mondo, con un'altitudine record fino a 2.500 metri. Furono i colonizzatori spagnoli, nel XVI secolo, a lanciare la coltivazione della vite lungo la cordigliera delle Ande.

Portogallo

Con una superficie di 192.000 ettari vitati, il Portogallo è il 9th paese del vino del mondo, con 11 regioni vinicole e 18 denominazioni. Porto e Douro sono di gran lunga le denominazioni più famose.

Romania

Con soli 190.000 ettari di superficie, il Vigneti rumeni tuttavia ci consente di classificare il paese al 6° postoth classifica dei produttori di vino nell’Unione Europea.

 

Importazione di vino di qualità in Francia

Per poter rispondere alle più diverse esigenze dei consumatori e aprire il proprio campo di degustazione, la Francia importa ogni anno vini di qualità da diversi paesi.

Dati sull'importazione di vini stranieri in Francia

Ogni anno la Francia esporta più di 14 milioni di ettolitri di vino, ma ne importa anche quasi 7 milioni di ettolitri.

La maggior parte di questi vini sfusi (80%) sono destinati a un vino cubi, o bag in box. IL vino importato poi arriva soprattutto da Spagna e Italia, paesi che producono vino entry-level in grandissime quantità.

Il successo dei vini stranieri in Francia

Si l’importazione di vino dai paesi europei non è una novità, l’importazione di vini dal Nuovo Mondo si è sviluppata solo una ventina di anni fa. I francesi scoprirono poi il vino dell'Argentina, degli Stati Uniti e del Cile, ma anche della Nuova Zelanda, dell'Australia e del Sud Africa. 

Sebbene utilizzino da tempo vitigni rinomati in Francia, i viticoltori hanno diversificato la loro produzione e producono vini esteri ottenuto da vitigni tipici autoctoni (zinfandel, pinotage, torrontes, ecc.). Tanti vini che offrono nuove esperienze enologiche ai francesi, che chiedono di più.

 

Se sei curioso e amante del vino, lasciati tentare dal vini da tutto il mondo, che stanno riscuotendo un crescente successo in Francia.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni