rechauffement climatique vin

Il riscaldamento globale ha un impatto sul vino?

A chi non piace godersi le belle giornate calde e soleggiate dell'estate? Bisogna però riconoscere che negli ultimi anni i periodi di canicola hanno reso l'estate particolarmente difficile da sopportare, e il caldo torrido a volte rovina le vacanze. I nostri organismi non sono gli unici a soffrire dell’innalzamento delle temperature, e i viticoltori notano cambiamenti più o meno evidenti nei vigneti di tutte le regioni viticole. Scopriamo qual è l'impatto del riscaldamento globale sul vino.

 

Riscaldamento globale: cosa cambia per la vite?

Anche se tutti vedono gli effetti del cambiamento climatico sul pianeta, alcuni settori di attività ne sono più colpiti di altri. Nei vigneti e in cantina i rischi climatici hanno impatti diversi.

Raccolti sempre più precoci

Con le estati torride che stiamo vivendo negli ultimi anni, le prime ripercussioni di tale caldo si vedono durante lo sviluppo delle viti. Non appena arriva la primavera, la crescita della vite è rapida e i primi germogli compaiono sempre prima. Purtroppo in questo periodo i periodi di gelate sono ancora frequenti e mettono in pericolo le viti.

Allo stesso modo, con l'arrivo dell'estate, anche la fioritura avviene all'inizio dell'anno. Se anche questo di per sé non costituisce un problema, questa precocità espone anche i fiori al rischio di gelate, che può compromettere l'intera produzione vinicola annua.

Infine, se il caldo può essere problematico, la sfida maggiore del riscaldamento globale deriva principalmente dalla mancanza d'acqua nei vigneti, che provoca uno stress idrico intenso e pericoloso per le viti.

Se i boccioli e i fiori resistono ai capricci del clima, il caldo elevato accelera poi la maturazione delle uve, spingendo i viticoltori a effettuare vendemmie anticipate . Si stima che in 50 anni la data del raccolto sia anticipata di un mese.

 

Parassiti più numerosi e più resistenti

Il secondo problema delle condizioni climatiche intense che affliggono le regioni vinicole è il maggiore rischio di malattie e parassiti. Il clima caldo, infatti, è particolarmente favorevole alla proliferazione di alcune specie di parassiti della vite, come le cicaline. In questa stessa logica cambia anche il loro comportamento e potrebbero rivelarsi più resistenti ai pesticidi e avere un ciclo di vita più lungo.

Di fronte a ciò, la vite è indebolita dallo stress termico e idrico, che la rende più vulnerabile ai parassiti sempre più tenaci. 

La diminuzione della resa è una delle conseguenze di questa piaga, ma anche la qualità del raccolto può essere ridotta.

 

Un gusto modificato del vino

Secondo diversi specialisti l’innalzamento delle temperature ha un impatto diretto sul gusto e sulle caratteristiche dei vini. Vediamo quindi che il grado alcolicoe il grado zuccherino sono generalmente più elevati, e l'acidità è meno presente. Ciò si spiega con il fatto che l'uva è più esposta al sole, e quindi accumula più zucchero, che viene poi trasformato in alcol. In 20 anni la gradazione alcolica dei vini è aumentata del 2%.

Alcuni esperti hanno addirittura notato che i numerosi incendi estivi, legati alla siccità, possono conferire un sapore affumicato al vino.

 

Contrastare gli effetti del riscaldamento globale con nuovi vitigni più resistenti

Per far fronte a queste perturbazioni climatiche, sono in corso numerosi esperimenti per introdurre nei vigneti francesi vitigni più resistenti al caldo e alla mancanza d'acqua. Pertanto, diverse AOC hanno ricevuto l'autorizzazione dall'Istituto Nazionale di Origine e Qualità per testare 6 nuovi vitigni.

È probabile che il processo richieda tempo (15 anni in media), perché richiede numerosi incroci successivi prima di trovare il vitigno perfettamente resistente.

A meno lungo termine, altri esperti stanno tentando l'uso del portainnesto, che consiste nell'innestare una pianta su una vite, in modo che le sue radici vadano più in profondità e catturino una migliore acqua, per nutrire efficacemente la vite.

 

Cambiamenti climatici: quali soluzioni per il futuro?

Sappiamo tutti che il riscaldamento globale è la conseguenza diretta delle pratiche e delle abitudini umane. Comprendiamo anche che con alcuni grandi sforzi è possibile rallentare questo processo. È in questo senso che durante la COP 21 è stato adottato l'Accordo di Parigi. L'obiettivo di questo trattato internazionale, votato nel dicembre 2015 e applicato nel novembre 2016, è quello di ridurre massicciamente le emissioni di gas serradall'attività umana.

Sulla carta ci viene chiesto di compiere sforzi sufficienti per garantire che il clima non cambi troppo, con temperature in aumento di un massimo di 1,5°C entro il 2050 (rispetto ai +2-2,5°C delle previsioni attuali più buie). .

In realtà, questo obiettivo sembra piuttosto utopico, poiché equivarrebbe a ripristinare un’emissione di CO2 identica a quella che emettevamo nel 1950. Non dobbiamo dimenticare che da allora la popolazione si è moltiplicata per 3, per non parlare dell’avvento di molti tecnologie molto inquinanti di cui tutti difficilmente potremmo fare a meno in modo permanente.

 

Ogni gesto conta

Lungi dal diventare disfattista, l'Uomo deve soprattutto prendere coscienza del suo ruolo in questo mutamento, anche su piccola scala. Nessun gesto è quindi superfluo per offrire ad ogni vigneto francese le condizioni di produzione più ottimali possibili.

Anche in vigna i grandi player del mondo del vino si stanno impegnando sempre di più, rivolgendosi all'agricoltura biologica . Più rispettosi dell’ambiente, i produttori di vino biologico utilizzano tecniche meno invasive, che riducono la produzione di CO2 e aiutano le viti a resistere meglio agli episodi di siccità e caldo.

 

Il riscaldamento globale è al centro dei dibattiti attuali e fonte di molte preoccupazioni. I viticoltori cercano quindi di trovare alternative per favorire il corretto sviluppo delle loro viti. È in questo senso che l'azienda bernese ha deciso di produrre vini biologici che rispettino l'ambiente e la salute dei consumatori.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni