Conversion biologique d'un vignoble : définition

Conversione biologica di un vigneto: definizione

Da diversi anni ormai, i consumatori francesi mostrano un desiderio crescente di rivolgersi a prodotti più sani, sia per l'ambiente che per la salute. Questo cambiamento riguarda tutti i settori agroalimentari, e in particolare il mondo del vino, dove la conversione biologica dei vigneti sta riscontrando un successo crescente.

 

Viticoltura biologica: gli inizi dei vini biologici

Non si può parlare di vino biologico senza parlare di viticoltura biologica. Infatti, per ottenere la famosa etichetta “AB” (agricoltura biologica) o Eurofeuille, è necessario vinificare un vino con uve provenienti da agricoltura biologica .

Il disciplinare per la certificazione biologica impone alcune regole da applicare in tutto il vigneto biologico, come la limitazione degli inputo il restrizione delle sostanze chimiche di sintesi.

Dal 2012 l’etichetta del vino biologico non si limita più alla viticoltura, ma vengono regolamentate anche le tecniche di vinificazione.

 

Perché i viticoltori stanno intraprendendo la conversione biologica dei loro vigneti?

 

Limitando, o addirittura vietando, l'uso delle tecniche moderne, la viticoltura biologica può dare l'impressione di fare un grande passo indietro in termini di innovazione. Tuttavia, le tecniche odierne sono molto invasive e talvolta alterano le qualità intrinseche del vino, dell'ambiente e della salute umana. I vantaggi della conversione biologica possono quindi essere applicati su più scale.

  • Il consumatore: scegliendo di bere vini naturali e biologici, l'appassionato di vino si assicura di degustare un prodotto migliore per la sua salute, senza pesticidi e prodotti fitosanitari . Allo stesso tempo, si inserisce in un approccio di tutela ambientale che risponde a valori importanti legati alle condizioni climatiche.
  • Il pianeta: la produzione di vini biologici limita la diffusione di sostanze chimiche nel terreno e nell'aria, garantendo così la preservazione dell'ambiente. In un vigneto biologico la natura ritrova i propri cicli stagionali, e la biodiversità si sviluppa in modo equilibrato e sano, privilegiando i caratteristici aromi fruttati;
  • Il produttore : lavorare una vite biologica è un approccio importante per un'azienda vinicola, sia dal punto di vista ecologico, sia per mettere in risalto il know-how dell'enologo . L'operazione, oltre a produrre vini biologici, diventa anche un esempio di gestione rispettosa dei costi di produzione, preservando le viti e accentuando le note fruttate nel vino.

La conversione alla viticoltura biologica rappresenta quindi un grande sfruttamento delle risorse naturali, rendendo possibile la creazione di vini biologici di qualità, che riflettono pienamente il terroir e soddisfano le esigenze delle crescenti aspettative dei consumatori coinvolti in questo settore biologico.

 

Conversione organica: come funziona?

Per passare alla viticoltura biologica, il viticoltore deve rispettare un periodo di conversione di 3 anni . Questo graduale passaggio dall'agricoltura convenzionale alla produzione biologica fa sì che i terreni e il vigneto in conversione trovino un equilibrio naturale, senza alcuna traccia di prodotti di sintesi.

Tre anni di conversione sono generalmente anche il tempo necessario al viticoltore per trovare un equilibrio nelle sue viti. Questo lavoro si svolge poi in 2 fasi, durante le quali il produttore di vino dovrà trovare alternative ai prodotti chimici.

  • Lavorare il terreno : utilizzare fertilizzanti naturali, arare, coprire l'erba e utilizzare il compost;
  • Proteggi la vite : trova prodotti naturali per limitare la proliferazione di malattie e parassiti, tenendo conto dei dosaggi autorizzati. Efficace l'uso di trappole a feromoni e insetti predatori.

 

Conversione e calo del rendimento: mito o realtà?

Molti viticoltori poco informati temono di passare all'agricoltura biologica, perché per loro questo spesso significa rendimento inferiore. Tuttavia, con una conversione biologica perfettamente anticipata, questa riduzione non è inevitabile. È per questo motivo, tra gli altri, che il disciplinare impone un tempo di conversione di 3 anni per ogni vigneto francese.

Questa durata permette al viticoltore di osservare il suo vigneto e adattare le sue tecniche e i prodotti utilizzati, per preservare tutti i suoi ettari di vigneto e una resa stabile.

Naturalmente è necessariamente più semplice mantenere la stessa resa con un vigneto che inizialmente aveva una resa bassa o moderata, che mantenere una resa alta. Ma, anche se un vigneto sottoposto a conversione biologica osserva inizialmente un calo della resa, le viti spesso riprendono vigore dopo alcuni anni e sonopiù resistenti ai parassiti .

 

La conversione biologica dei vigneti francesi risponde al desiderio di prenderci cura di noi stessi e dell'ambiente. Allo Château de Berne, questo approccio ecologico si adatta perfettamente ai valori della tenuta, che confida nel terroir per produrre vini biologici provenzali dalla bella tipicità. 

 


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni