Comment choisir un bon vin bio ?

Come scegliere un buon vino biologico?

I prodotti biologici stanno riscontrando un successo crescente e tutti stanno diventando consapevoli dei benefici dell’agricoltura biologica, sia per il pianeta che per la salute. Per quanto riguarda i vigneti, anche i viticoltori si sono impegnati e offrono sempre più annate biologiche. Come con il vino convenzionale, gli amatori iniziano quindi a imparare come scegliere un buon vino biologico.

 

Definizione di vino biologico

La definizione di vini biologici si è evoluta nel tempo. Inizialmente non era tanto il vino ad essere biologico, quanto piuttosto l'uva con cui era prodotto. Fino al 2012, infatti, il disciplinare dei vini biologici prevedeva semplicemente che i frutti provenissero da agricoltura biologica. Quindi, l'enologo era libero di praticare tutte le tecniche che desiderava e di integrare tutti gli additivi di sua scelta.

Dal 2012 le normative sono state più severe e la viticoltura biologica comprende sia la coltivazione della vite, senza pesticidi né prodotti chimici di sintesi, sia la tecnica di vinificazione, con la limitazione o addirittura vietando determinati input e determinate pratiche. L'ottenimento dell'etichetta "AB" è quindi soggetto a specifiche più complete.

In bocca, invece, il vino biologico non differisce molto dal vino convenzionale. Va comunque sottolineato che sempre più studi dimostrano che, durante una degustazione alla cieca, i vini biologici ottengono punteggi migliori.

 

Vino biologico e vino biodinamico: quali sono le differenze?

Oltre ai vini biologici si stanno sviluppando diversi altri tipi di viticoltura, come il vino biodinamico o il vino naturale. I vini biodinamici hanno la particolarità di andare oltre nel rispetto dell'ambiente, utilizzando metodi di produzione ancora più rigorosi, dove tutti i prodotti chimici sono vietati.

I vini bianchi, rossi e rosati prodotti in modo biodinamico sono il riflesso più puro del terroir, con il minor intervento umano possibile. L'enologo mira quindi a lasciare che la natura si esprima. Per andare oltre, il produttore di vino arriva al punto di seguire i cicli lunariper lavorare le sue viti, sempre a mano.

La produzione dei vini biodinamici viene poi fatta su piccoli appezzamenti, perché richiede molto lavoro. I vini di questo tipo di viticoltura si trovano quindi raramente nei supermercati, ma più facilmente nelle enoteche, o addirittura direttamente nelle cantine dei produttori.

 

Perché scegliere vini biologici piuttosto che vini convenzionali?

Scegliere di bere una buona bottiglia di vino biologico è spesso una questione di convinzione personale. I consumatori si rivolgono a questo tipo di vino per soddisfare i loro valori e il loro desiderio di proteggere l'ambiente. Bere vino biologico è quindi simile a un gesto ecologico, che nulla toglie al piacere della degustazione del vino.

Ma la vinificazione biologica permette anche di prendersi cura della propria salute, senza dover rinunciare a un buon bicchiere di vino. Infatti, le uve provenienti da agricoltura biologica e le tecniche adottate dai viticoltori biologici garantiscono un prodotto più sano, con meno zuccheri, solfiti e prodotti fitosanitari.

Ricordiamo infatti che ai produttori di vino biologico non è consentito aggiungere zuccheri e solfiti. Anche l'anidride solforosa è naturalmente presente nel vino ed è sufficiente a limitarne l'ossidazione.

 

Qual è il miglior abbinamento cibo-vino biologico?

In generale, gli abbinamenti cibo-vino biologico sono essenzialmente gli stessi dei vini convenzionali. Bisogna però riconoscere che alcuni prodotti sono particolarmente valorizzati da questi vini più rispettosi dell’ambiente:

  • Il vino rosso biologico certificato si abbina molto bene con salumi e carni. I vini rossi biologici leggeri saranno adatti con le carni bianche, mentre le carni rosse si accompagneranno meglio con un vino rosso potente;
  • I vini bianchi biologici faranno miracoli come aperitivo, per accompagnare il pesce, con carni bianche o anche con un piatto di formaggi;
  • I vini rosati biologici sono consigliati come aperitivo, ma anche con la cucina provenzale, le carni alla griglia o un dessert dolce.

Per restare in una certa logica è consigliabile accompagnare i piatti da agricoltura biologica con vini biologici.

 

Château de Berne: un vigneto provenzale biologico

Lo Château de Berne mostra un forte desiderio di produrre vini provenzali il più vicino possibile alla natura. È con questo approccio ambientale che l'azienda è passata all'agricoltura biologica nel febbraio 2021. Dopo 3 anni di conversione al biologico, il vigneto è certificato biologico e ogni anno produce vini rosati, rossi e bianchi con certificazione biologica.

In linea con questi valori, la tenuta di Berne è anche certificata di Alto Valore Ambientale livello 3, soddisfacendo così i requisiti sociali, ambientali ed economici.

 

I vini biologici sono sempre più presenti sugli scaffali delle nostre enoteche, e mettono in ombra i vini convenzionali. Château de Berne si riconosce in questi valori e produce ogni anno eccellenti vini rossi, rosati e bianchi biologici.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni