5 choses à savoir sur le vin rosé

È quasi estate, scopri 5 cose da sapere sul vino rosato

L'estate è sempre sinonimo di calore, relax e vacanza. È un momento speciale in cui tutti si riposano e si godono il bel tempo. E durante questi piacevoli momenti, il vino rosato compare sulle tavole e negli aperitivi, portando freschezza e dolcezza in una giornata calda. Con l'arrivo dell'estate, vediamo 5 cose da scoprire sui vini rosati in estate .

 

Vini rosati estivi: i preferiti dei francesi

Secondo uno studio del 2019, condotto da France Agrimer e pubblicato sull'Osservatorio economico mondiale dei vini rosé, i francesi bevono in media 15 litri di rosé all'anno. Per darvi un'idea, si tratta di 7,5 volte di più del consumo di rosato negli Stati Uniti, dove ogni abitante si accontenta di 2 litri all'anno. Collocata quindi in pole position tra i maggiori consumatori di vino rosato al mondo, la Francia da sola degusta il 34% della produzione mondiale di vino rosato. Seguono gli Stati Uniti con il 15%.

In termini di produzione di rosati, anche la Francia è in cima alla classifica, e in particolare la Provenza, che rimane la principale regione vinicola produttrice di vino rosato al mondo .

 

5 cose da sapere sui vini rosati

Per molto tempo il rosato è stato relegato allo status di vino da tavola, poco lavorato e ancor meno raffinato. Tuttavia, con molto lavoro e pazienza, i viticoltori sono riusciti a mostrare tutte le sottigliezze dei rosati. Entriamo nel dettaglio su 5 cose che forse non sai sul rosé.

Non è ottenuto da una miscela di vini bianchi e vini rossi

Le credenze popolari ci hanno portato a lungo a credere che il vino rosato fosse una miscela di vino rosso e vino bianco . Niente è più falso di questa idea preconcetta, perché questa pratica è vietata addirittura nel mondo del vino. Solo lo Champagne è autorizzato a produrre una miscela di vino rosso e vino bianco.

Per ottenere un vino dal bel colore rosato , l'enologo utilizza tecniche di vinificazione ben precise, senza mai mescolare bianco e rosso.

Il bel colore rosato deriva dall'uva nera

I viticoltori che producono vino rosato utilizzano esclusivamentevarietà di uva nera(pinot nero, syrah, grenache noir, cinsault, ecc.). È poi la buccia dell'uva a conferire al rosato il suo bel colore. Infatti, la pellicola della buccia dell'uva nera contiene pigmenti, chiamati antociani, che si diffondono nel succo dell'uva durante la macerazione. Logicamente più lunga è la macerazione, più colorato sarà il vino.

Infine, la tecnica di vinificazione del vino rosato è molto vicina a quella del vino rosso, solo che per il rosato la durata della macerazione è ridotta (poche ore per il rosato, contro diverse settimane per il vino rosso).

3 tecniche di vinificazione per un singolo vino

Tecnicamente il rosato è il vino più difficile da produrre. I viticoltori possono quindi scegliere tra 3 metodi di vinificazione:

  • Il rosé de saignée: le uve nere vengono pigiate e il mosto viene posto in un tino dedicato alla produzione del vino rosso. Dopo alcune ore di macerazione, il mosto viene prelevato dal tino, mentre il resto prosegue la vinificazione in vino rosso. Il mosto prelevato, dopo la fermentazione alcolica, diventa vino rosato;
  • Lamacerazione rosata: questo metodo di vinificazione è lo stesso della saignée rosato, ma l'intero tino è dedicato alla produzione del rosato;
  • Rosé per pressatura diretta: il vino rosato pressato è ottenuto da uve che vengono pigiate e pressate subito dopo la vendemmia, per estrarne il succo.

Queste 3 tecniche offrono, ovviamente, vini rosati leggermente diversi, con aromi diversi. Generalmente troviamo sapori fruttati, come aromi di pesca o piccoli frutti rossi, ma la complessità aromatica è più o meno marcata a seconda del vino.

I solfiti possono effettivamente causare mal di testa

Intorno ad un buon drink infuria ancora il dibattito sui solfiti. Alcune persone pensano che siano responsabili del mal di testa, altri non ci credono. In realtà tutto dipende dalla persona. Il solfito, o anidride solforosa (SO2), è un antiossidante naturalmente presente nel vino, ma che può anche essere aggiunto per garantirne un buon equilibrio. E ci sono prove che questo gas può dare mal di testa alle persone più sensibili, ma se consumato in piccole quantità, i rischi sono molto bassi.

Il vino rosato raramente è adatto all'invecchiamento

In generale, il vino rosato è un vino da gustare giovane e non è destinato a maturare in cantina. Si fa apprezzare per la sua freschezza e leggerezza, qualità che potrebbe perdere con una stagionatura troppo lunga. Quindi, se acquisti bottiglie di rosato economiche, devi consumarle entro l'anno.

D'altro canto è da segnalare che esistono vini rosati da invecchiamento. Ottime bottiglie di rosé possono essere conservate fino a 10 anni, come alcuni Côtes de Provence o alcuni Bandol.

 

L'arrivo delle belle giornate vi fa venire voglia di stappare una bella bottiglietta di rosé? Approfittate dell'estate e delle tante serate calde per scoprire i rosati della Provenza, e perché non concedervi un piccolo soggiorno enologico nel bernese?


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni