Les catégories de vin : qu’est-ce qu’un vin de table ?

Categorie di vini: cos'è un vino da tavola?

La menzione il riferimento vino da tavola può sorprendere, poiché possiamo considerare che tutti i vini hanno il loro posto a tavola. Si riferisce però ad una particolare tipologia di vino, che non sempre ha una buona stampa, a volte in modo errato. Facciamo il punto su questi vini che chiamiamo “ vini da tavola ».

Vino da tavola: uve provenienti da diverse zone di produzione

Vino da tavola, chiamato anche Vino francese (VDF) O vino senza indicazione geografica (SIG), non ha un'indicazione geografica precisa. Può quindi essere prodotto da uve provenienti da vigneti diversi, ed essere oggetto di assemblaggi diversi.

Una bottiglia di vino da tavola non riporta quindi in etichetta alcuna menzione geografica particolare, ma è possibile inserire un'annata o un vitigno. Il viticoltore dovrà poi richiedere l'autorizzazione ai servizi FranceAgriMer. È invece vietata la menzione di una tenuta o di un castello.

Da diversi vini da tavola, oggi distinguiamo due categorie:

  • IL Vino francese, ottenuto da vini provenienti da vigneti francesi;
  • IL vino della comunità europea, proveniente da un blend di vini provenienti da almeno due paesi europei.

I principali vitigni dei vini francesi

Per produrre il Vini da tavola francesi, i viticoltori utilizzano principalmente 5 vitigni bianchi e rossi:

  • Il cabernet sauvignon;
  • Sauvignon Blanc;
  • Carignano;
  • Il merlot;
  • Chardonnay.

Questi diversi vitigni vengono successivamente assemblati per formare vini da tavola con una gradazione alcolica compresa tra 8,5% e 15%.

La cattiva reputazione del vino da tavola

L'storia del vino da tavola è strettamente legato alle varie crisi di sovrapproduzione dei vigneti francesi ed europei. Inoltre, il specifiche del vino da tavola non è molto impegnativo. Abbiamo così assistito a numerose pratiche piuttosto dubbie che mettono in discussione, giustamente, l' qualità dei vini da tavola.

Alcuni vini venivano talvolta prodotti da vini di diversi paesi, ma anche di annate diverse, e i viticoltori non avevano più alcun limite nella produzione dei vini. vini di consumo.

Oggi, anche se le specifiche per il vino da tavola rimangono poco impegnative, la concorrenza di altri paesi europei ed extra-UE incoraggia i viticoltori francesi a distinguersi migliorando la qualità dei loro vini da tavola.

È per questo motivo che il Vini da tavola francesi vengono ora chiamati “vini di Francia”, e che contengono solo uve prodotte in Francia.

Vino da tavola: cattiva stampa non sempre giustificata

A lungo considerato mediocre, dal 2009 viene chiamato vino da tavola Vino francese, e ripristina gradualmente la sua immagine. Perché, se la maggior parte dei vini francesi sono piuttosto modesti, altri sono eccellenti, ma non rientrano negli schemi di una denominazione d'origine contrôlée (AOC) o di un'indicazione geografica protetta (IGP). Basta non coltivare un vitigno nell'area geografica delimitata dalle norme dell'AOC o dell'IGP per ritrovarsi relegato al rango di vino da tavola.

Questo è, ad esempio, il caso del vino rosso “Mal Aimés” e del vino rosato “Partouse” di Pierre Cros, che sono graziosi blend di vitigni antichi della Linguadoca-Rossiglione di ottima qualità, ma che non rientrano nei criteri di selezione delle denominazioni distinte.

A volte è semplicemente l'enologo che non ha rivendicò il nome, per protesta contro i dettami delle denominazioni (come avvenne con l' Vino Da Tavola in Italia), o dal desiderio di evitare i vincoli di controllo di una denominazione.

Questa categoria vino riunisce vini piccoli e senza pretese e tesori della viticoltura.

I migliori vini da tavola in Francia

In Francia, viticoltori di talento producono ogni anno vini da tavola che valgono una deviazione. Spesso hanno le stesse qualità di un AOC, ma provengono da a vitigno non riconosciuto nella loro regione. Da grandi vini di Francia da scoprire senza esitazione, nota:

  • L'annata storica del vino del XIX secolo, di Château Palmer, che utilizza antichi vitigni di Bordeaux e del Rodano, per rendere omaggio agli antichi grandi vini di Bordeaux, sia acidi che leggeri;
  • Il millesimato Zind, della tenuta Zind-Humbrecht, un vino bianco ottenuto da Chardonnay, vitigno non autorizzato dalle leggi della AOC Alsazia.

A lungo relegato al rango di vino mediocre, vino da tavola potrebbe sorprenderti. Quindi non fidatevi delle apparenze e delle menzioni e partite alla scoperta dei produttori appassionati, che fanno vini della Francia qualità molto elevata.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni