4 idées reçues sur le côtes de Provence rosé

4 idee preconcette sul Côtes de Provence rosé

Il rosato Côtes de Provence, come molti vini, soffre di idee preconcette. Sarebbe un peccato fare a meno di questo nettare a causa di alcuni pregiudizi, quindi abbiamo deciso di rimettere la chiesa al centro del villaggio, e rompere tutti questi preconcetti che offuscano l'immagine del vino rosato della Provenza. Il vino rosato, come il vino bianco e il vino rosso, nasce da un know-how rigoroso, che lo rende un vino eccezionale.

 

Il vino rosato è una miscela di bianco e rosso: FALSO

L'idea sbagliata più comune riguardo al vino rosato riguarda la sua produzione. Chi non ha sentito dire che il vino rosato nasce da una miscela di vino rosso e bianco? Ma questo è totalmente falso, e andiamo ancora un po’ oltre, è vietato! L'assemblaggio dei vini è autorizzato solo per lo Champagne e a condizioni molto rigorose.

Il vino rosato non è quindi un blend di vino bianco e vino rosso, ma nasce da una precisa tecnica di vinificazione. Ottenuto da vitigni a bacca rossa, il vino rosato beneficia di tale profilo enologico grazie al contatto controllato del succo con i pigmenti e gli aromi della buccia dell'uva.

L'arte e il know-how di un vignaiolo possono essere valutati anche dalla semplice capacità di produrre un vino rosato di qualità, poiché questa vinificazione è così complessa. Dei tre colori del vino, il vino rosato è innegabilmente il più difficile da avvicinare.

 

Il vino rosato si beve solo d'estate: FALSO

Negli ultimi anni il vino rosato ha riscosso un successo incredibile non appena arrivano le belle giornate. Protagonista degli aperitivi estivi, immaginiamo di gustarlo con i piedi nell'acqua, oppure durante una serata barbecue a bordo piscina. Il vino rosato è quindi da molti considerato un vino estivo, e questo è normale, tanto è rinfrescante.

Il consumo di vino rosato non dovrebbe però limitarsi a pochi mesi l’anno. Può essere gustato in ogni stagione, basta sceglierlo con attenzione. Per i periodi dell'anno più freschi, anche freddi, è consigliabile gustare un vino rosato ricco di tannini e aromi. Un vino rosato provenzale ben fatto si abbinerà meravigliosamente con un piatto autunnale a base di castagne, zucca o anche funghi porcini, per esempio.

In estate ci rivolgeremo più facilmente ad un vino rosato più leggero, con una bassa gradazione alcolica. Oltre ad essere rinfrescante, si accompagnerà perfettamente con piatti estivi raffinati e freschi, come insalate, crostacei o carni alla griglia.

Ricordatevi che è sconsigliato mettere cubetti di ghiaccio in un bicchiere di vino rosato. Conservato in frigorifero tra i 10 ed i 12°C avrà poi una temperatura ideale per la degustazione.

 

Il vino rosato è un vino recente: FALSO

Facciamo un piccolo tuffo nella storia per scoprire l’origine del vino rosato. Non è perché ha avuto molto successo negli ultimi anni che il rosato è un vino recente. Al contrario.

Il vino rosato è in definitiva considerato il più antico dei vini. Sono le 3th secolo a.C aC che si cominciò a coltivare la vite e nel 600 aC che furono piantate le prime viti in Provenza, ad opera dei Greci in fuga da Focea. È da questi vigneti che furono prodotti i primi vini.

Nell'Antichità la macerazione non durava a lungo, ed il contatto del mosto con la buccia era così breve che il vino assumeva una tinta rosata. I primi vini erano quindi molto limpidi, per non dire “rosati”. Ma è solo intorno al XIV secolo che si comincia a parlare di “vino rosato”, e nel 1680 a vedere il termine inserito nel Dizionario francese.

Le tecniche di vinificazione migliorarono notevolmente nel XVII secolo, rendendo possibile la creazione di tre vini ben distinti: vino rosso, vino bianco e vino rosato. Tecnicamente possiamo quindi dire che il vino rosato è il vino più antico.

 

Il vino rosato non mantiene: VERO E FALSO

Per la maggior parte dei rosati della Côtes de Provence è fortemente consigliato il consumo entro i 12 mesi successivi alla vendemmia. Ciò si spiega con il fatto che il rosato, qualunque sia la sua tecnica di vinificazione (pressatura diretta o macerazione sulle bucce), proviene da un succo che ha avuto pochissimo contatto con i pigmenti e gli aromi delle bucce dell'uva. Inoltre, il vino rosato è povero di tannini, questa sostanza vegetale che contribuisce fortemente al buon invecchiamento del vino.

Tuttavia, anche se la maggior parte dei vini rosati non si conservano a lungo, non per tutti è così. Molti rosati della Côtes de Provence sono molto migliori dopo un anno o due di invecchiamento, o anche di più. 

Ciò è particolarmente vero per i vini rosati saignée, che contengono una parte di succo proveniente dalla vinificazione del vino rosso e che quindi hanno un po' più di materia. Ciò è tanto più vero per i vini rosati ottenuti da vitigni tannici, come Bandol, Syrah o Cabernet Sauvignon, o per i vini rosati che sono stati macerati a lungo e maturati in legno, in botti o in tini.

 

Le idee ricevute sul vino rosato offuscano un po' l'immagine di questo vino di qualità. Invece di credere alle voci, formatevi la vostra opinione degustando il rosé Côtes de Provence del Château de Berne.





La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni