vin et millesime

Vino e annata: tutti i vini sono vintage?

Tra i tanti criteri per l'acquisto di una bottiglia di vino, gli amanti del vino sono soliti controllare il annata del vino. Questa importante informazione fornisce informazioni precise sulla qualità del vino, ma non fa parte delle informazioni obbligatorie riportate in etichetta. Scopriamo l'importanza dell'annata, e vediamo se tutti i vini sono necessariamente millesimati.

 

Annata di un vino: definizione

L'annata è una nozione che si riferisce alanno di vendemmia di un vino. Pertanto, uno Château de Berne 2018 è un vino rosato, un vino rosso o un vino bianco le cui uve sono state coltivate, raccolte e vinificate nel 2018 dall'enologo.


Poter menzionare il annata di un vino sull'etichetta di una bottiglia di vino, è quindi sufficiente che almeno l'85% del vino contenuto nella bottiglia provenga dalla stessa annata.

In effetti, è normale che i viticoltori mescolino diversi vini di annate diverse. Logicamente, non tutti i vini sono quindi necessariamente millesimati.


C’è però un’eccezione: lo champagne. Molto spesso una bottiglia di champagne è il risultato di un blend di più annate di annate diverse. Ciò è generalmente una garanzia della qualità costante di uno champagne di anno in anno. Pertanto, lo champagne generalmente non è vintage e, se lo è, è perché evidenziare il clima dell'anno produzione principale.

 

La variazione dello stesso vino da un anno all'altro

Se il vino è d'annata è con l'obiettivo di esaltarne il sapore caratteristiche uniche dell'anno di fabbricazione. L'uva, infatti, è un elemento vivo, come ogni frutto. Le sue caratteristiche poi variano molto da un anno all'altro, secondo diversi criteri:


  • Pioggia o sole;
  • Caldo o freddo;
  • Il vento ;
  • Secchezza o umidità...

Tutti questi elementi hanno un impatto sulla vite, e si ripercuotono sulle uve dello stesso terroir, e quindi sul gusto del vino.

 

Come valutare un'annata prima della vendemmia?

Gli esperti di enologia hanno la capacità di farlovalutare un'annata ancor prima che le uve vengano raccolte e vinificate. Come ? Affidandosi al meteo! Per produrre un vino di qualità è necessario soddisfare diversi criteri meteorologici. Così, semplicemente osservando il cielo, le precipitazioni, le temperature o anche il vento, enologi ed enologi sanno in anticipo se i vini saranno dolci, acidi o addirittura tannici.

 

Come fai a sapere se un vino d'annata sarà buono o no?

Non è sempre facile fare una scelta di fronte alla moltitudine di vini offerti nei negozi, in enoteca o sugli scaffali. enoteche on-line. Per aiutarvi, il vintage può essere una guida.


Fate poi riferimento al meteo di quello stesso anno, e avrete un’idea del vino che vi attende. Attenzione agli eccessi! Potremmo credere, ad esempio, che un vino prodotto durante un'ondata di caldo sia pieno di sole. Tuttavia, il sole in eccesso secca le uve, dando un vino a bassa acidità e davvero troppo dolce, con poco potenziale di invecchiamento. Al contrario, un'annata molto piovosa può portare a vini affetti da marciume grigio.

 

Piccole e grandi annate: un mito?

Una volta capito che il qualità di un'annata dipende dalle condizioni climatiche dell'anno in cui è stato vinificato, possiamo capire che ci siano annate molto buone (2005, 2009, 2020…), e altri molto nella media (1992, 2000, 2004…).


Naturalmente queste sono solo generalità e non dovremmo voltare le spalle ad esse piccole annate, perché tutto dipende anche dalla regione vinicola di produzione e dalla tipologia del vino. Facciamo un esempio: la Valle della Loira non ha affatto lo stesso clima della Provenza, e non tutti i vitigni hanno le stesse esigenze. L'annata è un buon indicatore, ma non una verità assoluta!

 

Le annate dell'AOC Côtes de Provence

Come abbiamo visto, la qualità di un'annata dipende dalla regione viticola e dalla tipologia di vino. Quindi vediamo il diverse annate delle denominazioni di origine Côtes de Provence.

Annate per denominazione

Se tutte le denominazioni della Côtes de Provence accettano di designare il 2009 e 2010 come grandi annate, e ill'annata 2008 è stata un'ottima annata, le valutazioni variano per gli altri anni.


Nel 2013, ad esempio, l'annata è considerata buona per Côtes de Provence e Côtes de Provence Fréjus, ma è piuttosto nella media per Côtes de Provence La Londe e Côtes de Provence Sainte-Victoire.

Le annate dei vini della Côtes de Provence in base al loro colore

IL rosso, bianco e Rosati AOC Côtes de Provence ha avuto un anno eccezionale nel 1998. D'altra parte, il annate molto grandi differiscono a seconda del colore del vino:

  • Vini rossi: 1988, 1989 e 2001;
  • Vini bianchi: 1988;
  • Vini rosati: 1990.

Infine, se sono da evitare il vino rosso e il vino bianco dell'annata 2002, lo stesso non vale per il vino rosato, che ha avuto una scarsa vendemmia l'anno successivo, nel 2003.

Come avrete capito, un'annata non è un'indicazione universale, e va interpretata secondo tanti altri criteri.

 

IL annata di un vino è quindi un ottimo indicatore di qualità, ma non deve essere l'unico criterio da tenere in considerazione nella scelta di una bottiglia di vino. Per assaggiare il le migliori annate di vini della Provenza, scopri tutto il know-how dei vini dello Château de Berne.


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni