Dans quel ordre déguster du vin ?

In quale ordine dovresti assaggiare il vino?

Tutti sanno che non è consigliabile degustare vini diversi in qualsiasi ordine. Tutti lo sanno, ma nessuno sa veramente cosa si consiglia durante una degustazione di vini. Vino rosso dopo vino bianco, vino leggero prima di vino corposo… Ecco 4 regole per assaggiare il vino nell'ordine corretto.

 

Regola n°1: aumentare gradualmente la potenza e la qualità

Quando ci prendiamo il tempo per pensarci, questa prima regola sembra ovvia. Tuttavia, non è raro che venga offerto un vino potente come aperitivo, per poi proporre un vino leggero come antipasto, per poi passare a un vino corposo come portata principale, e ovviamente finire con un vino fruttato come dessert. .

Il problema di vini potenti, e in particolare i vini rossi, è che contengono tannini, che lo faranno saturare le papille gustative fin dai primi sorsi. Il vino rosso corposo vi impedirà di assaporare i successivi vini più leggeri, ma anche di assaporare i piatti più pregiati.

È quindi consigliabile servire prima un vino leggero, come un vino rosato della Provenza o un vino rosso del Beaujolais, e crescere in potere, per finire con un vino potente, come un vino rosso bordolese.

Vini molto dolci avranno lo stesso effetto, e sono quindi da preferire a fine pasto.

 

IL qualità del vino ha la sua importanza anche nell'ordine di degustazione. Quindi inizia con i vini più semplici, a finire con i grandi vini.

 

Regola n.2: il vino rosso viene servito dopo il vino bianco e il vino rosato

In generale, il vini bianchi e vini rosati offrono più acidità e finezza negli aromi rispetto ai vini rossi. Seguendo la logica della regola numero 1 è quindi opportuno farlo bere prima un bianco o un rosato, prima di diventare rosso.

Ciò consentirà alle tue papille gustative di percepire meglio gli aromi sottili dei vini leggeri, floreali o fruttati, prima di passare alle note più potenti del vino rosso.

Naturalmente ci sono delle eccezioni a seconda dei vini e puoi perfettamente servire un vino bianco audace o aromatico dopo un vino rosso leggero.

 

Sebbene questa regola sia facile da seguire durante una degustazione alla cieca, a volte è difficile da applicare per ottenere un abbinamento cibo-vino coerente. Se i piatti proposti invitano a servire un vino rosso con carni rosse, prima di passare ad un vino bianco per accompagnare i formaggi, allora è consigliabileacqua la bocca tra i due piatti. Si tratta di bere un piccolo sorso di vino nuovo prima di iniziare ad assaggiare il formaggio.

 

Regola n°3: vini giovani prima delle vecchie annate

Con il tempo i profumi e la struttura del vino cambiano, lasciando il posto a nuove note aromatiche molto più complesse. Logicamente, è quindi consigliabile farlo iniziare una degustazione di vini giovani, più semplice, per poi passare ai vini da invecchiamento e vecchie annate, più ricca.

Ma non tutto è così semplice e, ancora una volta, esistono alcune eccezioni. Infatti, un vino rosso perde gradualmente i suoi tannini durante il processo di invecchiamento, per lasciare il posto a nuovi aromi. Meno tannico, può talvolta sembrare più blando di un vino rosso giovane e potente. Potrebbe quindi essere saggio farlo servire la vecchia annata prima del vino giovane.

 

Regola n°4: vini dolci dopo i vini secchi

Come abbiamo visto sopra, lo zucchero nel vino può saturare rapidamente il palato. È quindi abbastanza logico che gli enologi lo consiglino assaporare vini dolci, vini dolci e vini dolci per ultimo.

Inoltre, il vino dolce non può competere con un vino bianco acido o un vino rosso tannico, che prenderebbero il sopravvento e rovinerebbero la bontà e la pienezza del vino dolce.

 

Ordine di degustazione del vino: sintesi e applicazioni

Per riassumere, ilordine di degustazione del vino deve essere fatto in base al colore, qualità, potenza, età e struttura del vino. Non c'è bisogno di essere un esperto di enologia, puoi semplicemente fidarti del tuo istinto. Ma ecco un'idea degustazione cronologica interessante:

  • Iniziate con uno spumante o un vino bianco secco, come un Muscadet o un Sancerre;
  • Continua con un vino bianco più audace, come un Viognier o uno Chardonnay di Borgogna;
  • Passare al vino rosato (sempre dal più leggero al più potente);
  • Proseguire con un vino rosso leggero, poco tannico, con note fruttate, come un Gamay, un Pinot Nero o un Cabernet Franc;
  • Seguire con un vino rosso tannico, come un Syrah o un Bordeaux;
  • Terminare con un vino dolce o un vino dolce, come un Sauternes.

 

Che sia per un'introduzione alla degustazione di vini, o per accompagnare i diversi piatti di un pasto, ilordine di servizio del vino è di capitale importanza. Ora sai come goderti ogni bottiglia e apprezzare ogni aroma.

 

 

 

 


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni