Comment conclure votre dégustation de vin ?

Come concludere la vostra degustazione di vini?

La degustazione del vino si articola in più fasi: esame visivo, esame olfattivo ed esame gustativo. Al termine di ciascuna di queste analisi, il degustatore emette una conclusione. Ma quando arriva la fine della degustazione bisogna essere in grado di trarre una conclusione dando un giudizio complessivo sul vino. Per riuscire in questo difficile esercizio, ecco alcuni consigli per concludere una degustazione di vini.

 

Obiettivo della conclusione della degustazione

Le degustazioni di vino seguono sempre un rituale preciso, per un'analisi sensoriale completa e dettagliata. Dopo aver esaminato il colore del vino, il profumo del vino o anche gli aromi del vino, potrebbe sembrare inutile concludere il processo, poiché pensi di aver già detto tutto.

Tuttavia, una scheda di degustazione richiede un giudizio generale, sia durante una degustazione in una fiera del vino, in una cantina di degustazione con un enologo, o anche a casa.

Raccogliendo tutti i dati relativi al vino, potrete poi avere un'idea complessiva delle sue caratteristiche, del suo potenziale di invecchiamento, del momento migliore per berlo, o anche del miglior abbinamento cibo-vino da proporre. La conclusione è anche occasione per confrontarlo con altri vini simili.

 

Conclusione della degustazione: una questione di obiettività

L'obiettivo di una degustazione di vino non è sapere se il vino proposto vi piace oppure no, ma piuttosto rendere l'analisi sensoriale il più obiettiva possibile. Allora dimentica la soggettività quasi innata che si percepisce nella classica degustazione di un vino (mi piace/non mi piace), e concentrati su un'analisi sistematica che ti permetterà di giudicare il prodotto per quello che è.

Naturalmente, non puoi rinunciare al tuo apprezzamento personale e alcune degustazioni di vino sono più divertenti di altre. Se sei un amante del vino rosato della Provenza, sarai felice di analizzare una bottiglia di Château de Berne. Se non sei un fan del vino rosso di Borgogna, degustare un Latour millesimato sarà meno piacevole, ma ciò non deve impedirti di concentrarti sulle caratteristiche del vino.

 

Valutare la qualità di un vino

La valutazione della qualità di un vino si basa principalmente su criteri molto semplici, come la presenza di un difetto del vino (odore di tappo, colore torbido, amarezza, ossidazione, ecc.). Si tratta quindi di liberarsi delle prime impressioni istintive, per valutare le caratteristiche più profonde del vino, senza alcun giudizio personale.

La valutazione di un vino rosso

La qualità di un vino rosso si valuta principalmente dal suo equilibrio al palato. L'acidità dei vini rossi deve poi essere presente, ma non prepotente, così come i tannini, che devono essere rotondi e strutturati. Infine va misurata la gradazione alcolica e il grasso deve offrire un'impressione vellutata in bocca.

La valutazione di un vino bianco

Anche in questo caso, l'equilibrio tra grado alcolico, grado zuccherino e acidità deve essere perfetto. Poiché i vini bianchi non contengono tannini, ci concentriamo sulla dolcezza e sull'acidità, per ottenere una bella freschezza in bocca.

Gli aromi nella valutazione della qualità di un vino

Anche l'intensità aromatica di un vino è molto importante nella conclusione della degustazione. Potrai quindi analizzare gli aromi primari, secondari e terziari, e determinare se sono potenti, discreti, fruttati, floreali o anche se hanno una buona lunghezza in bocca.

 

Stimare il potenziale di invecchiamento di un vino

Concludere una degustazione di vino è spesso un buon momento per valutare l'idoneità del vino all'invecchiamento. Diverse indicazioni possono poi esservi utili per sapere se un vino va bevuto giovane, oppure se è possibile lasciarlo evolvere in cantina.

L'abito da vino

In generale, l'esame visivo del colore dei vini rosati, dei vini bianchi e dei vini rossi permette di valutare se il vino ha raggiunto la maturità, se è il caso di berlo giovane o se è il caso di lasciarlo evolvere.

Un vino giovane ha spesso colori più tenui e più chiari di un vino vecchio. I vini rossi giovani hanno una tonalità violacea che, con l'invecchiamento, evolve verso una tonalità piastrellata o bruna. I vini bianchi giovani sono di colore giallo paglierino, con graziosi riflessi verdi, mentre con l'invecchiamento assumono un colore giallo dorato, perfino ambrato. Infine, i vini rosati giovani sono generalmente pallidi e col tempo diventano rosa-arancio.

Logicamente, più un vino appare giovane, maggiore è il suo potenziale di invecchiamento.

Il naso del vino

Il naso del vino può anche darti informazioni sul grado di evoluzione di un vino. A seconda degli aromi percepiti, saprete se il vino è giovane, e quindi adatto all'invecchiamento, oppure se è già ben sviluppato.

  • Un vino giovane rivela un naso con aromi fruttati e freschi, questi sono gli aromi secondari. Non ha ancora sviluppato aromi terziari;
  • Un vino maturo sviluppaaroma terziariocaratteristici di fungo, sottobosco, tartufo, humus, cuoio, selvaggina, frutta secca, caramello, fico o anche fiori secchi.

La bocca del vino

Al palato il vino rivela il suo potenziale di invecchiamento attraverso la sua acidità e freschezza. I vini giovani, infatti, presentano spesso un'acidità intensa, che diminuisce con il tempo. Ciò è particolarmente vero per i vini bianchi, che non hanno tannini. Allo stesso modo, un livello zuccherino elevato rivela un vino bianco già ben sviluppato.

Per quanto riguarda i vini rossi, i tannini possono infatti aiutare a stimare il potenziale di invecchiamento del vino. Se sono ruvidi, astringenti e seccano la bocca, si tratta di un vino rosso giovane e ancora in grado di evolversi. Con l'invecchiamento i tannini si combinano con i pigmenti coloranti e diventano quindi più discreti e meno ruvidi.

 

Concludere la degustazione stimando il prezzo del vino

La fase finale e facoltativa di una degustazione di vini, la stima del prezzo della bottiglia di vino, può essere un esercizio interessante per valutare le tue conoscenze di enologia. A seconda delle qualità del vino notate durante la degustazione, potrete poi valutare se il vino è economico, se ha un buon rapporto qualità-prezzo o se il prezzo è troppo alto. Questo è un ottimo modo per trovare buone piccole annate a prezzi bassi.

 

La conclusione della degustazione di vino è il passo finale ed essenziale di questo esercizio molto difficile. Per raggiungere questo obiettivo, niente è meglio di un allenamento regolare. Venite a sfidare le vostre conoscenze nella cantina di degustazione del Domaine de Berne e cogliete l'occasione per scoprire i nostri vini della Provenza.

 


La nostra attuale selezione di vini

Nuovo
Vino Rosato 2023 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Promozionale -37%
Vino Rosato 2022 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
Prezzo regolare 77,40 €Prezzo ridotto48,60 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Esausto
Vino Rosato 2021 AOP Côtes de ProvenceGrande Récolte
77,40 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni
Esclusiva web
Vino Bianco 2017 AOP Côtes de ProvenceChâteau de Berne Grande Cuvée
138 €
Scatola da 6 bottiglie - 75 cl
Più informazioni